Attentati di Parigi, al Bataclan Valeria Solesin uccisa da un colpo solo

Valeria Solesin è stata raggiunta da un solo colpo, mortale, durante le sparatorie al teatro Bataclan: il proiettile è entrato dal lato sinistro del volto ed è uscito dalla schiena, senza trapassare organi vitali. La ragazza sarebbe morta dopo pochi minuti, probabilmente dissanguata. Sono le indicazioni che sono giunte dall’esame sul corpo effettuato all’ospedale di Mestre.Valeria è infatti arrivata sabato mattina a Venezia e la nonna ha avuto un malore nel vedere la bara.

La ricognizione esterna della salma, secondo quanto si è appreso, è durata circa tre ore. Un adempimento medico – sono state effettuate anche delle Tac – richiesto dalle inchieste aperte dalle Procure di Roma e Venezia sull’uccisione della studentessa a Parigi ed effettuato da due medici legali Silvano Zancaner e Massimo Montisci, che erano stati incaricati di eseguire un esame esterno del cadavere della giovane vittima dal procuratore aggiunto di Venezia Adelchi D’Ippolito, che ha aperto un fascicolo sull’omicidio.

Il colpo è arrivato dall’alto, probabilmente perché il terrorista che ha sparato era nel ballatoio, mentre la giovane vittima era in platea. Esclusa invece, perché incompatibile con la ferita, l’ipotesi di un colpo di grazia mentre Valeria era a terra.

Il rito i commiato per la giovane è già stato fissato, sarà martedì in Piazza San Marco. Saranno funerali di Stato: presente il capo dello Stato Sergio Mattarella e atteso anche il premier Matteo Renzi: piazza San Marco chiusa, saranno operativi per la sicurezza quattrocento agenti.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 22/11/2015 6:35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *