Bonus Bebè, Stop all’incentivo in mancanza del rinnovo dell’Isee entro il 2016

Bonus bebè 2017 non si farà senza ISEE 2016

Pertanto, anche se la domanda del bonus bebè si presenta di regola una sola volta (in genere nell’anno di nascita o adozione del figlio), è necessario che il beneficiario dell’assegno rinnovi la Dsu aiarton41031-3aa5b fini della verifica annuale dell’Isee per ogni anno di spettanza del beneficio. Qui sono purtroppo ragioni di bilancio ad aver fermato l’erogazione: la regione ha affermato che su 13,686 aventi diritto per il 2013 l’assegno è stato sbloccato per ora a 7671 persone, circa la metà. Poiché la DSU è utile al rilascio dell’ISEE 2016, per tali utenti è stata disposta la sospensione dell’erogazione dell’assegno per le mensilità dell’anno 2016. Per tutte le famiglie con Isee inferiore ai 25 mila euro, infatti, il Governo Renzi riconosce un importo pari ad 80 euro al mese per tre anni.

Chi ha fatto domanda per il bonus bebè nel 2015 deve presentare la Dichiarazione sostitutiva unica per l’anno in corso entro e non oltre il prossimo 31 dicembre 2016. L’utente, in presenza di tutti i requisiti di legge, percepisce l’assegno fino a dicembre 2015. “Al verificarsi di questa eventualità – ricorda l’Inps -, l’utente che abbia i requisiti di legge per accedere al beneficio in questione potrà presentare una nuova domanda di assegno nel 2017 ma le mensilità spetteranno a partire dal mese di presentazione della nuova domanda senza possibilità di recuperare le mensilità dell’anno 2016″.

Si specifica quindi che per richiedere il modello Isee disabili non sarà necessario indicare nella DSU i contributi erogati a titolo di rimborso spese, le prestazioni socio-assistenziali e le riduzioni di tributi, l’erogazione di buoni servizio o voucher che sostituiscono l’erogazione di servizi. La DSU presentata entro dicembre 2016 ha validità fino al 15 gennaio 2017 e consente l’erogazione dell’assegno per le mensilità dell’anno 2016.

L’unico caso di risposta negativa (quindi di perdita degli arretrati) è quello relativo ad un DSUpresentato dopo il 31 dicembre 2016: in quel caso si avrà diritto solo al nuovo bonus bebé 2017. In questo caso l’utente potrà presentare una nuova domanda nell’anno 2017; tale nuova domanda consentirà, in presenza dei requisiti di legge, il pagamento dell’assegno nell’anno 2017, a decorrere dal mese di presentazione della domanda stessa, ma non consentirà comunque il recupero delle mensilità dell’anno 2016. Una agevolazione destinata a tutti i bambini nati dal primo gennaio 2016, fino ai tre anni d’età.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Il Bonus dovrebbe essere vincolato ad un reddito ISEE familiare inferiore ai 25mila euro, in caso di ISEE inferiore a 7.000 euro il Bonus raddoppia a 1.600 euro.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 28/10/2016 7:28

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *