Cina pusher del mondo Così ci inonda di droga

I siti on-line cinesi, stanno trasformando il mercato globale della droga. Siti di società che ufficialmente commercializzano prodotti legali, sono in realtà dediti alla commercializzazione di droghe e di sostanze chimiche illegali, con profitti enormi. Puoi acquistare dai cinesi via internet, non solo stimolanti o metamfetamine, ma qualsisasitipo di droga. Come nel caso di guidechem.com, attraverso il quale 150 società vendono l’alpha PVP, conosciuto anche come “flakka”, una droga molto potente, simile all’mdpv, dichiarata illegale ne-gliUsa, ma non in Cina. L’alpha PVP è in grado di aumentare il senso di euforia e di stimolare la libido, ma con effetti secondari devastanti, come l’aumento del battito cardiaco, la comparsa di tic incontrollabili, e di dolorosi spasmi.

Il portale e-commerce Qinjiayuan ufficialmente dovrebbe vendere condizionatori, ma è in grado di recapitarti a casa, in anonime confezioni, un potente allucinogeno conosciuto con il nome di “spice”, una droga che lo scorso mese di aprile, negli Stati Uniti, ha portato al ricovero centinaia di persone colte da gravi malori e da manie e tendenze suicide. Un altro sito, quello della “Nanjing Takandou Chemical Company”, vende via internet un potente stimolante, il mefedrone, una

droga sintetica assimilabile in parte alla cocaina e in parte alla MDMA, molto apprezzata dai consumatori perché non reagisce ai normali narcotest in uso alle forze dell’ordine. Denominata anche 4MMC, viene commercializzata dalla ditta cinese in pasticche. I suoi effetti sono simili a quelli dell’ecstasy, ma essendo più potente, in molti casi provoca gravi problemi cardiaci, con un elevato rischio di infarto.

L’Impero di Mezzo, è oggi il primo produttore ed esportatore di droghe sintetiche a livello mondiale, con un primato indiscusso: quello della produzione delle metamfetamine. Non solo: la Cina, è il primo fornitore di sostanze base, per le metanfetamine prodotte e spacciate dai narcotrafficanti messicani in tutto il Nord America. Secondo la DEA, l’ente antidroga Usa, il 90% delle metamfetamine consumate negli USA, contengono prodotti base provenienti dall’industria chimica e farmaceutica cinese.

Il mercato della droga on-line non poteva non solleticare anche le mire delle diverse organizzazioni mafiose controllate dalle Triadi. Solo l’anno scorso, secondo un rapporto reso noto dalle Nazioni Unite, la Polizia cinese avrebbe smantellato 390 laboratori clandestini destinati alla lavorazione di sostanze stupefacenti. I cartelli del narcotraffico cinese, si sono oggi lanciati nella produzione di nuove sostanze ancor più potenti assemblando molecole a base di fertilizzanti e pesticidi: secondo l’Ufficio sulle Droghe e la Criminalità organizzata, delle Nazioni Unite, le metamfetamine disponibili sul mercato, sono così passate da 244,a541. Droghe studiate e confezionate per aggirare una legislazione spesso obsoleta al livello internazionale.

I trafficanti di droga e l’industria chimica cinese sembrano avvantaggiarsi proprio da un quadro normativo che in questa materia spesso non è omogeneo nemmeno in Europa. Secondo il portavoce di Europol, Soren Pedersen, «appena una sostanza viene dichiarata illegale in Germania, i narcotrafficanti cinesi, invadono con le loro metamfetamine altri Paesi, come l’Austria, la Svezia, la Danimarca e l’Italia». Lo spaccio di droghe sintetiche cinesi è una piaga che ormai colpisce in tutto il mondo: recentemente la polizia australiana, ha scoperto un container contenente oltre 600 kg di me-tamfetamine, per un controvalore di oltre 450 milioni di dollari.

In Italia, negli ultimi anni sono entrate qualcosa come 150 nuove droghe sintetiche, vendute via internet come fossero prodotti legali a base di erbe: queste droghe vengono prodotte da laboratori cinesi che poi provvedono alloro confezionamento come profumatori, o deodoranti per ambienti e li recapitano a casa dell’acquirente nell’arco di poche ore.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 07/07/2015 6:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *