Colosseo, Prosperetti: «Al via Centro servizi e restauro degli ipogei»

Il soprintendente per il Colosseo, il Museo nazionale romano e l’area archeologica di Roma, Francesco Prosperetti, a margine di un evento al Foro romano, ha chiarito a proposito dell’annullamento della procedura per la realizzazione del Centro servizi previsto all’interno del restauro del Colosseo finanziato da Tod’s con 25 milioni di euro. La nuova struttura dovrebbe garantire lo spostamento all’esterno dell’Anfiteatro della biglietteria, del bookshop e dei servizi igienici.

Un nuovo bando di gara

«Il Centro servizi si farà e sarà realizzato nello stesso luogo dove era stato previsto con un progetto preliminare di base praticamente analogo, solo con una maggiore attenzione alle procedure». E ha aggiunto: «Chi ha parlato di battuta d’arresto del Centro servizi? Ha subito solo una battuta d’arresto perché io ho annullato la procedura in corso, visto che si era arenata a seguito di ricorsi e una serie di sfortune nella sua fase di avvio, a cui peraltro io non avevo partecipato essendo arrivato dopo. Ho ritenuto necessario riprendere il progetto da mettere a gara istituendo una nuova procedura che parte adesso con l’acquisizione di alcune autorizzazioni preventive, come quella dei Vigili del fuoco e della Asl, che erano state trascurate nel precedente progetto».

Poi annuncia che annuncerà il restauro degli ipogei

Il soprintendente ha anche annunciato che tra qualche giorno annuncerà l’inizio del restauro dei sotterranei dell’Anfiteatro Flavio. «Credo che i due interventi» quello del Centro servizi e il restauro degli ipogei del Colosseo «correranno parallelamente. Sui sotterranei faremo un annuncio nei prossimi giorni, non appena definito il cronoprogramma del progetto, a cui stiamo lavorando da alcune settimane». Anche

Metal detector al Colosseo e ai Fori

Ma Prosperetti ha annunciato anche l’inaugurazione della nuova biglietteria del Foro romano. «L’8 dicembre inaugureremo la nuova biglietteria del Foro Romano a cui pochi giorni dopo farà seguito l’installazione dei metal detector per i principali ingressi al Foro Romano e subito dopo quelli per il Colosseo». Anche se per l’Anfiteatro il tema dei metal detector è un po’ più delicato e a questo riguardo Prosperetti ha detto di averne parlato «con il capo di gabinetto del commissario Tronca per metterlo al corrente del nostro progetto di interagire con Roma Capitale e con la Prefettura per trovare la più idonea localizzazione dei metal detector sulla piazza del Colosseo visto che abbiamo deciso di metterli in forma fissa. Questo perché abbiamo scelto una modalità di maggiore efficienza ed efficacia dal punto di vista della sicurezza. Come soglia minima di attenzione per la sicurezza vogliamo avere lo stesso livello di sicurezza ottenuto all’Expo. Ma per fare questo, abbiamo bisogno di montare degli apparati dedicati».

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 03/12/2015 5:37

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *