Colpo di sonno a 130km/h: la dinamica della “strage del casello” (Video)

Secondo quanto accertato dalla Polizia Stradale di Ravenna il giovane conducente avrebbe accusato un colpo di sonno. Quindi lo schianto contro le due auto in attesa alla “sbarra” di Cotignola RAVENNA – E’ accusato di duplice omicidio colposo il 21enne maceratese che si trovava al volante dell’Audi A3 piombata ad elevata velocità contro la “Fiat Punto” al casello autostradale di Cotignola, causando la morte di Andrea Giunta, 56 anni, e di suo figlio Michele, 19enne.

LA VELOCITA’ – Secondo quanto accertato dalla Polizia Stradale di Ravenna, che hanno proceduto alle indagini del caso, il giovane conducente avrebbe accusato un colpo di sonno, mentre viaggiava ad una velocità di circa 130 chilometri orari.14-2-3

Incidente mortale al casello di Cotignola ANALISI “PULITE” – Le analisi hanno confermato come il 21enne non avesse assunto alcol o stupefacenti. Il giorno precedente alla tragedia, avvenuta a Ferragosto, il giovane, insieme ad un suo amico, aveva trascorso la serata in una discoteca del riminese e, la mattinata del 15, a Mirabilandia. Dimesso sabato dall’ospedale di Lugo, è sotto shock per l’accaduto.

ravenna-2-3MIGLIORA LA DONNA – Migliorano le condizioni di Maria Carmela Di Alterio, moglie di Andrea Giunta e madre di Michele: resta ricoverata in prognosi riservata all’ospedale “Maurizio Bufalini” di Cesena nel reparto di Chirurgia d’Urgenza. La donna dovrà fare i conti con il dramma della scomparsa dei suoi cari. Per questo sarà affiancata da un’équipe specializzata con psicologo.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 19/08/2015 19:35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *