Controllare a distanza dei lavoratori, il Governo ha deciso per il sì

Il Consiglio dei Ministri ha detto a uno degli articoli più contestati del decreto legislativo di attuazione del Jobs Act: il numero 23, quello sui controlli a distanza di pc, tablet e telefonini aziendali. “Nei controlli a distanza – ha spiegato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti – è stato colmato un vuoto normativo avendo chiari due obiettivi: una norma chiara e nel rispetto della privacy”.

LA NORMA – In pratica, non ci sarà bisogno di autorizzazione ministeriale nè di accordi sindacali, ma i lavoratori dovranno essere informati in modo preventivo sulle modalità di effettuazione dei controlli, che, comunque, non potranno mai avvenire in contrasto con quanto previsto dal Codice della privacy.

IL DOCUMENTO – “È vietato l’uso di impianti audiovisivi e di altri strumenti che abbiano quale finalità esclusiva il controllo a distanza dell’attività dei lavoratori”, si legge nel documento in possesso di Askanews. Gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti “dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere installati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale, previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria o dalle rappresentanze sindacali aziendali”.Lavoro-ICT

I SINDACATI – In alternativa, “nel caso di imprese con unità produttive ubicate in diverse province della stessa regione ovvero in più regioni, tale accordo può essere stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In mancanza di accordo gli impianti e gli strumenti di cui al periodo precedente possono essere installati previa autorizzazione della Direzione territoriale del lavoro o, in alternativa, nel caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più Direzioni territoriali del lavoro, del ministero del Lavoro e delle politiche sociali”.

ACCORDO E AUTORIZZAZIONE – L’accordo e l’autorizzazione “di cui al secondo comma non sono richiesti per gli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e per gli strumenti di registrazione degli accessi e delle uscite. Le informazioni raccolte ai sensi del terzo comma sono utilizzabili a condizione che sia data al lavoratore adeguata informazione delle modalità d’uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli e nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196”. In altri termini, se il lavoratore non verrà adeguatamente informato dell’esistenza e delle modalità d’uso delle apparecchiature di controllo e delle modalità di effettuazione dei controlli, i dati raccolti non saranno utilizzabili a nessun fine, nemmeno a fini disciplinari.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 04/09/2015 19:38

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *