De Luca: «Con la legge di Stabilità tra le 400 e le 500 assunzioni in Campania»

De Luca parla di «giornata di sofferenza che in Campania è doppia. Come regione siamo ultimi per i livelli essenziali di assistenza – dice – Dovremo fare un lavoro importante e serio per recuperare posizioni e garantire i servizi essenziali». Quello che De Luca definisce «ulteriore elemento di sofferenza» della sanità campana è legato al personale: «Abbiamo perso in questi cinque anni – spiega – tra i 13 e 14 mila dipendenti della sanità pubblica».

«In questo momento – aggiunge – c’è agitazione anche perché, per la normativa europea, non si può sforare una certa soglia di lavoro straordinario. Ai medici dico di avere fiducia, è bene mantenere il fiato sul collo del Governo e la mobilitazione. Dobbiamo garantire risorse essenziali per la sanità ma credo di poter dare un messaggio speranza perché per quello che ci riguarda abbiamo voltato pagina». In mattinada, De Luca è stato all’ospedale San Gennaro, dove ha incontrato personale della struttura «che – ha riferito – mi ha chiesto cosa fare. Dobbiamo decidere cosa fare del centro storico di Napoli – aggiunge – perché per il passato è stata assunta la decisione di chiudere nosocomi del centro di Napoli per aprire l’Ospedale del Mare. Noi siamo intenzionati a rivedere questa decisione presa in passato – sottolinea – perché non è possibile privare il centro cittadino di pronto soccorso, prima faremo cose giuste e ragionevoli, poi apriremo l’Ospedale del Mare».

«Questo è una prima risposta a medici e cittadini che mi hanno segnalato criticità – conclude – ci sono situazioni come l’ospedale nella Pignasecca (il Vecchio Pellegrini, nel centro di Napoli, ndr) dove non riesce ad arrivare nemmeno l’ambulanza».

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 18/12/2015 5:12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *