Dossier sulla mafia a Ostia: scoppia la lite tra Libera e il Movimento Cinque Stelle

Era gennaio, quando Beppe Grillo e don Luigi Ciotti si incontrarono per siglare ufficialmente un’alleanza tra Libera e il Movimento 5 Stelle in nome del reddito di cittadinanza. Un’intesa che, nei fatti, sui territori va avanti da anni. Ora sembra essersi spezzata. E rischia addirittura di finire in tribunale, con don Ciotti che accusa i grillini di aver diffamato e calunniato la sua associazione in un dossier sulla mafia a Ostia. «La ricerca della verità è la base della giustizia – dice il sacerdote -. Ben vengano le documentazioni, a patto che siano oneste, serie e non mosse dalla presunzione di avere in tasca quella verità che si dice di cercare». 9242e4669a0f6ae3fcaaf3e9bbf0f78a-1211-kZlH-UUvea3jWqXo6tmS-700x394@LaStampa.it

A inizio settembre i grillini avevano annunciato una relazione da presentare alla commissione Antimafia: «Mafia e litorale romano: il caso Ostia». L’altro giorno, il quotidiano «Il Tempo» ha pubblicato alcuni stralci del testo, in cui vengono mosse accuse pesanti a «Libera». Si punta il dito sul fatto che l’associazione gestirebbe alcuni stabilimenti balneari con assegnazione diretta senza bando pubblico, la si accusa di silenzi interessati su alcuni appalti pubblici, di esser stata agevolata in questo dall’intercessione di Andrea Tassone, l’ex presidente del X Municipio plurindagato nell’ambito dell’inchiesta Mafia Capitale. Accuse che «Libera» ha smontato punto per punto, annunciando querele, in una conferenza stampa. A quel punto è arrivata la smentita dei 5 Stelle: «Quanto scritto dal Tempo appartiene alla libera e fantasiosa interpretazione del giornalista – ha detto ieri la deputata Roberta Lombardi -. La relazione verrà infatti depositata solo lunedì prossimo in commissione antimafia».

Dietrofront tardivo, secondo Libera e secondo «Il Tempo»: «Curioso che la smentita arrivi 48 ore dopo la pubblicazione del dossier. Prendiamo atto che esistono due versioni della stessa relazione: una pre-conferenza stampa di Libera, e una post». La bozza del testo sarebbe ora sul tavolo dei legali del M5S, ed è facile immaginare che la versione che verrà depositata all’antimafia sarà molto diversa da quella circolata prima della dura replica di Libera.

Ma non è tutto. Perché nel frattempo i Cinque Stelle in Campidoglio avevano chiesto all’assessore alla Legalità, Alfonso Sabella, di revocare la concessione di una spiaggia a «Libera» a causa di una lieve sanzione amministrativa. Lo ha raccontato ieri lo stesso Sabella, aggiungendo che «il rappresentante del Movimento 5 Stelle a Ostia potrebbe avere un interesse personale su quella spiaggia che, guarda caso, prima era di un suo amico, a cui fu revocata perché aveva precedenti penali non dichiarati».

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 25/09/2015 23:35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *