Giorgia Meloni su Facebook: ” Immigrati 900 euro al mese, chi muore di fa in Italia ha zero dallo stato italiano”

 Gianni ha 59 anni, è invalido civile al 50%, ha una moglie, due figlie e vive da qualche anno in una roulotte a Roma, nel quartiere di Grottarossa, solo perché i cittadini di quel quartiere gli hanno dato una mano per poter avere una sistemazione che fosse vagamente dignitosa. Gianni non ha ricevuto niente dal Comune di Roma, dallo Stato italiano e da quelle stesse realtà che per ogni immigrato clandestino che entra in Italia spendono 33 euro al giorno.
Ci chiediamo perché lo Stato italiano per un cittadino italiano che non ha nulla, che non sa dove vivere, che non ha una pensione sociale e a cui non viene riconosciuta una pensione di invalidità non spenda neanche lontanamente le risorse che sceglie di spendere per chi scappa dalla fame in Africa. Chi scappa dalla fame in Africa ha un contributo dallo Stato italiano di 900 euro al mese. Chi muore di fame in Italia ha un contributo dallo Stato italiano pari a zero.

Posted by Giorgia Meloni on Giovedì 13 agosto 2015

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 13/08/2015 18:40

Comments

  1. Ma che schifo i nostri politici dovrebbero vergognarsi. Aiutare gli immigrati ca nene MA PRIMA c’e’ il popolo italiano in estrema difficolta’ e stato i indigenza assoluta visto e considerato che NOI itLuani paghiamo le tasse. Utalia vergona sei un paese dalle mille risorse ma prtroppo governato da persone incompetenti arroganti falsi buonisti ed ignoranti. Io sono itakiana ma dimmanzal mondoi vergogno per i nostri POLITICi. Facciamo parte della Comunita’ Europea ma solo.su quanto fa comodo alla nostra classe dirigenziale. Vergognatevi e se avete ancora un minimo di dignita’ sempre se conoscete il significato della parola stesa DIMITTEteVi. Vergogna

  2. I nostri politici sono senza DIGNITÀ. Ho visto suicidarsi imprenditori, commercianti ecc. Mai un politico. Non andrò più a votare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *