Influenza, a fine mese disponibile il nuovo vaccino

“La vaccinazione rimane il mezzo più efficace e sicuro per prevenire influenza e complicanze” spiega l’assessore alla Salute Stefania Saccardi, annunciando per quest’anno alcune novità: oltre al vaccino contro l’influenza (che sarà disponibile entro fine ottobre negli ambulatori dei medici di famiglia e nelle Asl), agli anziani verrà consegnata anche una confezione di fiale di vitamina D3 contro l’osteoporosi, e ai nati nel 1950 verrà somministrato il vaccino antipneumococcico.

L’Azienda USL3 di Pistoia per garantire la copertura vaccinale agli anziani e alle persone a rischio ha per il momento prenotato 58.170 dosi di vaccino (l’anno scorso erano state 55.300). Sono invitati a vaccinarsi gli anziani sopra i 65 anni e le persone appartenenti alle categorie a rischio, ai quali la vaccinazione viene offerta gratuitamente.

Presentata ufficialmente questa mattina la campagna antinfluenzale della Regione per la stagione 2015/2016. Per questo rivolgo il mio invito a queste persone a vaccinarsi, quando sarà il momento. Sono soggetti a rischio: chi ha più di 65 anni (nati nell’anno 1950 e precedenti), cittadini di ogni età, a partire dai 6 mesi di vita, affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza, bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.

La vaccinazione antinfluenzale sarà anche l’occasione per promuovere con efficacia la prevenzione dell’osteporosi, una patologia ossea tipica dell’anziano.

Il periodo migliore per vaccinarsi è novembre, visto che il picco influenzale si registra solitamente tra fine dicembre e febbraio e visto che il vaccino ha bisogno di circa 15-20 giorni per essere realmente efficace.

Chiunque può acquistare il vaccino in farmacia. Nell’autunno-inverno 2014-2015 i casi gravi e complicati di influenza (che hanno richiesto un ricovero in terapia intensiva) sono stati 61: di questi, 22 sono deceduti. La vaccinazione è gratuita anche per le donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica. Nella stagione precedente 2013-2014 i casi gravi erano stati appena 13, con un solo decesso.

Le persone che non appartengono alle categorie per cui la vaccinazione è gratuita ma desiderano comunque proteggersi dall’influenza, potranno farlo in co-pagamento, al costo di 9,50 euro.

I medici di famiglia si adopereranno per attuare questa importante campagna di prevenzione con tutte le loro forze”.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 10/10/2015 5:03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *