Inquinamento: due terzi degli uccelli marini hanno spazzatura di plastica nello stomaco

Riercatori australiani lanciano l’allarme: la maggior parte uccelli marini hanno residui di plastica nello stomaco. Nel 2050, fino al 95 % di tutti gli animali potrà essere interessato. Gli scienziati invocano, quindi, un migliore smaltimento dei rifiuti. I risultati di una recente ricerca sono drammatici: quasi tutti i tipi di uccelli marini avranno problemi a causa dei rifiuti di plastica nel mare nei prossimi decenni. Il 99 % di 186 specie potrebbe assorbire particelle plastica entro il  2050, secondo un team internazionale di ricercatori sulla rivista “Proceedings della National Academy of Sciences”.

Particolarmente vulnerabili, gli abitanti degli oceani del Sud, quindi anche dell’Oceano Antartico. É noto che la presenza di rifiuti plastica é causa di molti problemi alla vita marina, dei pesci, balene, foche, tartarughe e uccelli marini. Possono rimanere avvolti nella plastica e annegare. Inoltre, le parti inghiottite possono ostruire il tratto digestivo e costringere gli animali ad un destino tragico in quanto muoiono di fame. Inoltre, le tossine si accumulano nella plastica, segnalano i ricercatori guidati da Chris Wilcox ricercatore del CSIRO Marine and Atmospheric Research, di stanza a Hobart, Tasmania.Gli esperti stimano che attualmente ogni anno tra 5 e 13 milioni di tonnellate di immondizia di plastica finiscono nei mari. Attualmente, circolerebbero fino a 580.000 particelle per chilometro quadrato attraverso gli oceani. Particolarmente preoccupante è che la produzione mondiale di materie plastiche aumenta rapidamente e così anche i rifiuti di plastica. Erik Van Sebille dell’Imperial College di Londra, co-autore dello studio, sostiene che gia due terzi degli uccelli marini ha residui di plastica nel tratto digestivo.

Ciò potrebbe contribuire al fenomeno per cui il numero di tutte le specie di uccelli marini si potrebbe ridurre della metà.”Prevediamo che l’inclusione di plastica negli uccelli marini aumenterà, e che si troverà entro il 2050 nell’apparato digerente di 99 % di tutte le specie di uccelli marini,” scrivono i ricercatori. Questa previsione si basa sul presupposto che la produzione globale di plastica raddoppia ogni 11 anni e i rifiuti di plastica in tutto il mondo, aumentando drasticamente di conseguenza nei mari. Il mare di Tasman tra Nuova Zelanda e Australia , nonché la parte settentrionale dell’oceano del sud, che circonda l’Antartide saranno tra i più colpiti. L’unicasoluzione é un efficace smaltimento dei rifiuti ed un utilizzo sempre più ridotto dei prodotti in plastica monouso, ricorda Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti [1]”, che evidenzia come anche il Mediterraneo non sia esente dal problema come più volte abbiamo sottolineato.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 01/09/2015 10:12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *