Invece di giocare deve lavorare e l’onorevole M5S fa i capricci

di Andrea Morigi – Per la cronaca sportiva, quest’anno il trofeo dei bar di Arona lo ha vinto il bar La Pecora Nera, sconfìggendo il bar Strobino nella partita di pallanuoto che si è svolta domenica scorsa nel campo di Beach Water Polo allestito per l’occasione sulla sponda novarese dei Lago Maggiore. Al terzo posto si piazza Marconi Beach che ha battuto il Café de la Sera. Peccato che il risultato sia viziato dalla Ka- sta o da un «gombloddo» del Bilderberg: hanno impedito la partecipazione al torneo del cittadino Davide Crippa, parlamentare del Movimento 5 Stelle eletto alla Camera dei deputati nel collegio Piemonte 2. Senza nemmeno indire una consultazione ordine, lo hanno convocato per fare il suo dovere di rappresentante del popolo in un giorno festivo e in orario serale.

Attraverso Facebook, scatta l’indignazione dell’interessato: «Oggi pomeriggio dovevo partecipare al torneo beach waterpolo ad Arona, ma qualche genio del Pd ha deciso che questa sera alle 19 si doveva votare in commissione attività produttive e finanze per il ddl concorrenza». E lancia una minaccia: «Visto che tanto non ci avete accolto nulla sulle questioni energetiche preparate i saccapeli stasera in commissione si farà tardi».Tranne qualche isolata ironia sui «saccapeli»», i grillini io sostengono finché il resto del popolo della rete si accorge dell’assurdità. Fra tutti, gli insulti, merita una citazione la risposta di un tale Filippo Poncìna: «Sono un medico rianimatore dipendente statale. Anche io lavoro per i cittadini non solo la domenica ma anche tutte le feste comandate, giorno e notte. Prendo 1/10 del suo stipendio m a se la domenica d’agosto devo lavorare tutto il giorno per un’emergenza (dì una sola persona, non di 60milioni) invece di andare al mare con gli amici, non mi lamento.

È il mio lavoro, l’ho scelto io». A Grippa dà anche un consiglio da non trascurare: «Nessuno la obbliga a rimanere in parlamento. C’è una fila là fuori di disoccupati pronti a prendere il suo posto e il suo stipendio. Tanto, si sa, per esser parlameli Lare 5S non bisogna avere una laurea e una specializzazione, basta votare quel che dice il gruppo senza nemmeno prendere iniziative!»
Si potrebbero catalogare fra i commenti ingenerosi,perché alla fine Grippa, sebbene a malincuore, in commissione c’è andato, disertando la partita di pallanuoto. E comunque, benché affaticato dalla maratona parlamentare, riesce a replicare alle critiche: «Se non volete comprendere proseguite pure. Iointendevo che anziché lavorare la domenica potevamo fario in maniera seria durante la settimana e non di notte al buio. Infatti starnani abbiamo già finito rendendo inutile la corsa che abbiamo fatto, come si voleva dimostrare».

Quel che non gli hanno ancorafatto notare è che passa un’altra bella differenza fra la rivendicazione del peone grillino e gli scioperi selvaggi di autoferrotranvieri, personale di volo delle compagnie aeree e custodi dei musei che tentano di paralizzare l’Italia. Tutto sommato, se i residuidei gruppo parlamentare del Ginqueslelle cambiassero attività e si dessero anima e corpo alla pallanuoto o al beach water polo che dir si voglia, la nazione intera ne guadagnerebbe in serietà. Come se Beppe Grillo tornasse a fare il comico.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 04/08/2015 7:23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *