Isis, orrore senza fine: “I jihadisti hanno fatto esplodere un neonato”

Non c’è fine all’orrore jihadista. Secondo Sadiq el-Hussein, capo dei comitati per la sicurezza locali anti Isis, i miliziani dello Stato Islamico avrebbero imbottito un neonato di esplosivo e poi lo avrebbero fatto esplodere. Il fatto sarebbe accaduto a Dyala, al confine tra Iraq e Iran.

La notizia – riporta TgCom24 – non avrebbe però trovato riscontro da fonti indipendenti e ciò lascia pensare che possa trattarsi di propaganda anti Isis.

Sta di fatto che el-Hussein, intervistato da Al Sumeriah News, sostiene si sia trattato di “una esercitazione” durante l’addestramento di un gruppo di jihadisti dello Stato Islamico a “nuove tecniche per l’uso di esplosivi”. Il padre del bambino era stato giustiziato in precedenza con l’accusa di aver ucciso un seguace del Califfo, Abu Bakr al-Baghdadi.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 14/07/2015 16:40

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *