Juve avanti in Coppa Italia. Poker al Toro, il derby è suo

Senza storia il derby di Coppa Italia. Una Juve aggressiva sin dai primi minuti, non lascia spazio e fiato ai granata fino al vantaggio di Zaza al 28’. Nella ripresa inizio imperioso dei bianconeri che, subito dopo l’espulsione di Molinaro per doppia ammonizione, si riversano nell’area avversaria e raddoppiano ancora con Zaza (48’).

Poi la squadra di Allegri controlla la gara e gioca in scioltezza senza mai rinunciare a quell’aggressività che ha messo in campo per tutta la gara.

Il trionfo bianconero è stato arrotondato da Dybala, con un sinistro di gran tecnica e da Pogba, autore di una punizione `alla Pirlo´. Entrambi hanno dedicato i rispettivi gol, con scritte sulle sottomaglie: il francese per Bryan, un ragazzino delle giovanili bianconere malato di cancro («Questo gol – ha spiegato il numero 10 bianconero – è per lui, sono sempre con lui»); il pensiero dell’argentino è andato ai due ragazzi della Primavera Juve morti annegati, 9 anni fa, in un laghetto del campo di allenamento di Vinovo. Nel ricordo della tragedia sono stati accomunati, prima del fischio d’inizio, juventini ed i 2.099 tifosi granata, tanti nell’odiato `Stadium´ dove sognavano una serata di gloria, invece è il Toro a leccarsi le ferite. Questa volta la sua partita è finita ben prima del 93’, il minuto fatale negli ultimi due derby in trasferta. Anzi, non è cominciata.

«Non era semplice – dice Massimiliano Allegri -, i ragazzi sono stati bravi a sbloccare la partita e a gestirla nel secondo tempo. Una bella vittoria, importante, che ci permette di iniziare il 2016 in corsa per tutti e tre gli obiettivi della stagione: domenica ci aspetta una partita che può chiudere un’annata non semplice, dovremo essere bravi come lo siamo stati da due mesi». Il derby «era una partita trabocchetto, – è l’analisi del tecnico bianconero – venivamo da periodo impegnativo e affrontavamo un Torino in buona forma e riposato, non avendo giocato sabato: l’aspetto più positivo è stata la gestione della palla. Negli ultimi tempi siamo cresciuti fisicamente, tecnicamente, ma abbiamo ancora ampi margini di miglioramento. Domenica e stasera la squadra ha dimostrato di essere cresciuta molto».

Sarà la Juventus ad affrontare la vincente di Lazio-Udinese nei quarti di finale di Coppa Italia il prossimo 20 gennaio.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 17/12/2015 6:30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *