Questo video non fa vedere nulla di esilarante, sbalorditivo, divertente, o assurdo, ma rappresenta un valido consiglio su come riuscire ad evitare le truffe afferenti alla clonazione delle carte di credito. In tal senso, bisogna stare molto attenti, a maggior ragione se su tale carta si dispone stabilmente di grosse somme di denaro. In considerazione di ciò, appare dunque piuttosto evidente che il filmato offertovi può davvero risultare utilissimo a tante persone, anche se con i tempi che corrono le carte di credito non sono più cariche come un tempo…

Allo scopo di prevenire il pericolo afferente alle clonazioni, è sufficiente adottare dei piccoli accorgimenti. In primo luogo, è importante ricordare che i truffatori, al fine di riuscire a clonare la carta, hanno la necessità di acquisire le informazioni che si trovano all’interno della banda magnetica. Ebbene: come fanno a catturare tali dati? Mediante l’utilizzo di lettori modificati, che il video in questione vi darà modo di vedere.

I lettori modificati si chiamano anche skimmer modificati. Cosa fanno? In pratica rubano le informazioni solamente attraverso la semplice strisciata della carta di credito. Quindi? Mentre si preleva, alcuni skimmer truffaldini possono essere piazzati sui bancomat. Ecco allora che risulta fondamentale evitare di usare bancomat dotati di skimmer. Come fare per accorgersi che tali skimmer modificati siano stati piazzati appositamente dai truffatori? Il modo c’è: infatti spesso possono non combaciare perfettamente con la struttura dello sportello bancomat.

Ci sono poi altri sistemi che i delinquenti adottano al fine ultimo di riuscire a fare un’altra pericolosa operazione: quella di individuare il codice pin, che risulta essere fondamentale al fine ultimo di effettuare operazioni con la carta. Ebbene, per riuscire nel tentativo, i truffatori possono adottare due metodi diversi.

Uno dei metodi può essere…l’installazione di telecamere in prossimità del tastierino sul quale viene digitato il codice segreto. In considerazione di ciò, al fine di evitare eventuali acquisizioni di codici pin, è bene coprire il tastierino con l’altra mano mentre si digita il codice. Un’altra possibilità però può essere l’installazione di una tastiera modificata, che fa sì che il malcapitato che inserisce il codice venga truffato mediante uno stratagemma ben preciso: la tastiera memorizza il pin e lo trasmette ad un altro dispositivo computerizzato: tale dispositivo appartiene al truffatore.

Come difendersi dai ladri dei codici pin? Con degli accorgimenti. Mano sul tastierino a parte, può risultare utile osservare se sopra allo sportello bancomat, in prossimità della tastiera è o meno collocato un foro: quel foro potrebbe contenere una videocamera. Circa la tastiera, potrebbe essere stata applicata con del nastro biadesivo: in considerazione di ciò, se alla vista e al tatto risultano delle anomalie, allora forse si è in presenza di una tastiera truffaldina.

Infine, quando l’utente si accorge di possibili anomalie sullo sportello bancomat, può avvisare le forze dell’ordine al fine ultimo di consentire un loro intervento al fine di risolvere la questione. Se siete interessati alla visione del video, non resta che augurarvi buona visione.