La Terra sorge dietro la luna: la spettacolare immagine della Nasa

Proprio in quell’occasione, Blue Marble venne assunta come simbolo emblematico per gliambientalisti, grazie alla sua capacità di comunicare alle persone la fragilità del nostropianeta e sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema delicato e di cui in questi ultimi tempi si parla spesso, come l’ambiente e i problemi che lo caratterizzano. Sono chiaramente riconoscibili la Sicilia, una parte della Sardegna e tutto il Meridione d’Italia essendo completamente libero da nuvole.

In questa immagine si vede la Terra sorgere dall’orizonte lunare con al centro, dal punto di vista del veicolo spaziale, le coste della Liberia; la grande area bruna a destra è il deserto del Sahara, e appena più in là si scorge l’Arabia Saudita.

Dallo scatto si può distinguere anche un cratere lunare, conosciuto con il nome di Compton. La foto è stata scattata dal satellite-sonda DscovrIn a 1,6 milioni di chilometri dalla Terra. Si nota quella che agli americani piace chiamare “Biglia blu” (Blue Marble).

Avete mai provato ad immaginare come potrebbe essere ammirare la Terra posizionata sull’orizzonte della Luna? “Ad ogni modo, gli astronauti lunari vedranno qualcosa di molto diverso: vista dalla superficie lunare la Terra non sorge o tramonta mai“.

La prima immagine della Terra che sorge dietro alla Luna fu scattata nel 1966 dalla sondaLunar Orbiter 1. Le immagini diffusi dall’ente aerospaziale americano sono state realizzate componendo una serie di immagini riprese il 12 ottobre scorso dal Lunar Reconnaissance Orbiter, che è appunto in orbita intorno al nostro satellite naturale.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 22/12/2015 5:21

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *