Leopardo delle nevi a rischio estinzione: la campagna del WWF per salvarlo

L’allarme del Wwf, lanciato in concomitanza con la presentazione del Rapporto intitolato ‘Fragile connections – Snow leopards, people, water and the global climate’, riguarda peraltro non solo il rischio di estinzione del leopardo delle nevi, ma anche la salvaguardia degli habitat montani himalayani che in tutta l’Asia forniscono acqua a centinaia di milioni di persone, e che a causa proprio deicambiamenti climatici sono diventati sempre più fragili.

Il WWF ha lanciato la Campagna Clima e si aspetta dei risultati dalla 21° COP (Conferenza delle Parti) della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici dell’ONU che si svolgerà aParigi per ridurre drasticamente i cambiamenti climatici. Secondo il WWF, l’aumento delle temperature costringerà l’uomo a spostarsi in aree più elevate per la coltivazione e l’allevamento di bestiame, costringendo il leopardo a vivere in aree sempre più ristrette. Inserito dall’Iucn (Unione Mondiale della Conservazione della Natura) nella categoria “Endangered” della Lista Rossa delle specie minacciate, restano solo 4.000 esemplari dileopardo delle nevi, frazionati in popolazioni in costante declino. Qui potete trovare al acmpagna del Wwf pwer salvare le specie a rischio estinzione. L’habitat d’alta quota delleopardo delle nevi si estende su molti dei principali bacini idrografici dell’Asia, e interessa ben 12 Paesi, primo tra tutti il Nepal ma anche Cina, India, Russia, Mongolia, Pakistan e Afghanistan.

Il rapporto del Wwf evidenzia come oltre 330 milioni di persone vivano nel raggio di 10 km daifiumi che hanno origine nelle regioni dell’Asia Centrale oltre i 3.000 metri ( territori dove vivono dei leopardi delle nevi), e dipendono da loro per l’approvvigionamento dell’acqua. Illeopardo delle nevi vive sui montani himalayani, luoghi magici che si stanno modificando a causa dei cambiamenti climatici.

I cambiamenti climatici, inoltre, mettono in pericolo anche la vita di milioni di persone poiché il livello delle acque subirebbe modificazioni letali.

“Conosciamo appena il 14% del territorio del leopardo delle nevi: ecco perché da alcuni anni ilWWF finanzia uno specifico progetto scientifico che si avvale del sistema delle foto trappole e del monitoraggio satellitare“, ha spiegato il WWF. L’accordo è storico ed importante perchè impegna i paesi a tutelare la specie, attraverso una stretta collaborazione tra governi, organizzazioni internazionali e gruppi della società civile.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 26/10/2015 4:14

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *