Meteo, l’allerta della Protezione Civile. Paura per la “Bomba Mariolone”

Italia ancora divisa in due. Nuvoloso o poco nuvoloso al nord, sulle aree alpine e prealpine che potranno dar luogo a isolati rovesci. Molto nuvoloso su Sardegna con precipitazioni a carattere di rovescio o temporale più frequenti ed estesi sulla parte meridionale dell’Isola. Nuvole su Toscana, Marche e Umbria, mentre al sud la situazione continua ad essere critica. Nuvoloso in Campania, temporali su Calabria e Sicilia. Il ciclone “Mariolona” caratterizzerà il tempo nelle prossime ore. Diramata anche l’allerta della Protezione civile.

In particolare  precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, oltre che sulla Sicilia, anche sulla Calabria e in estensione – nel corso della giornata – a Basilicata e Puglia. Le precipitazioni risulteranno essere a carattere diffuso con quantitativi puntualmente elevati o molto elevati sulla Calabria e sui settori meridionali di Basilicata e Puglia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento e locali grandinate. Saranno inoltre possibili mareggiate sulle zone costiere ioniche.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata, per domani, criticità rossa per rischio idrogeologico localizzato sull’intera Sicilia e sulla Calabria centro-meridionale, mentre la criticità sarà arancione sulle restanti zone settentrionali della Calabria e sulla Puglia meridionale. Prevista, invece, criticità gialla sulla Basilicata, sulla Puglia centrale, sulla Campania meridionale e sulla aree orientali e meridionali della Sardegna.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile , insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 09/09/2015 13:36

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *