Milanese e il dossier notturno al detenuto Berlusconi

Palazzo Grazioli crocevia di indagati, arrestati o arrestandi. Il Condannato era ai servizi sociali, senza passaporto e con limitazioni della sua libertà personale, quando alla fine dell’aprile 2014 l’ex deputato azzurro Marco Milanese, già consigliere politico di Giulio Tremonti all’Economia e sotto inchiesta per alcuni grossi scandali, chiede con insistenza di incontrare Silvio Berlusconi. Il “mediatore” è Amedeo Laboccetta, altro ex parlamentare del Pdl e sistemato alla Gori in Campania, che si occupa di acque, grazie al suo rapporto con Mariarosaria Rossi, tuttofare berlusconia-na. Milanese a B. vuole consegnare un “promemoria” che l’amico “Amedeo” definisce “interessantissimo”. Ma B. accetta di incontrare solo la compagna di Milanese, Manuela Bravi, ex portavoce di Tremonti, e poi non ci sarà più il tempo per un colloquio tra i due. Il 4 luglio, l’ex consigliere dell’Economia viene infatti arrestato per corruzione nell’inchiesta sul Mose: una mazzetta di 500mila euro dal Consorzio Venezia Nuova.

“Vediamoci ma facciamo attenzione”

Le telefonate tra Laboccetta e Berlusconi sono tra gli atti dell’indagine napoletana sulla Cpl Concordia e sono nel capitolo seguente a quello de ll’intercettazione tra il premier Renzi e il generale della Finanza Adinolfi. La-boccetta – che con Milanese condivide interessi giudiziari oltre che politici (il filone del banchiere Ponzellini che coinvolge l’Atlantis di Corallo, colosso delle slot machine) – è sotto controllo per le sue relazioni con Francesco Simone, ex craxiano riciclatosi come lobbista della Concordia. Di qui le telefonate allegate con B. su Milanese e non solo. Le conversazioni integrali sono due, entrambe del 30 aprile 2014. Nella prima, intorno alle cinque del pomeriggio, Laboccetta concorda l’appuntamento.

“Laboccetta: e poi se vuoi possiamo anche rivedere un attimo velocemente anche Checchino ma facendo attenzione…

Berlusconi: e allora mh… possiamo non so, vederci eh… vederci questa sera alle… alle venti?

L: alle venti?

B: mh?

L: va bene allora faccio venire la coppia praticamente.

B: sì. Vedi se non pensi sia meglio far venire invece prima lei da sola.

L: allora… faccio venire lei da sola… forse è meglio.

B: è meglio così dai!”.

“Un promemoria analitico e puntuale”

Successivamente, Laboccet-ta comunica alla segreteria di B. il nome della donna che lo accompagnerà alle venti e poi c’è la seconda telefonata a mezzanotte.

“Berlusconi: eccomi Amedeo.

Laboccetta: Presidente, sono andato a cena con il marito e la signora (Bravi e Milanese, ndr).

B: sì.

L: ed è stata una cena molto, molto interessante, io martedì avrò un promemoria analitico, preciso e puntuale che è veramente

interessantissimo.

B: fantastico.

L: ma…

B: senti… dove sei adesso?

L: sono all’Hotel Bernini a Piazza Barberini.

B: ho capito.

L: se hai bisogno di me ti raggiungo, dimmi tu, non ho problemi.

B: io sono qui a lavorare, se tu hai voglia di fare una chiacchierata.

L: va bene, allora…

B: ti offro un whisky.

L: allora mi dai un quindici minuti.

B: quando vuoi, se non ti dà fastidio.

L: no figurati… stavo scrivendo …

B: ti aspetto.

L: stavo scrivendo, stavo lavorando.

B: ti aspetto, ciao, grazie, grazie

L: ciao.

B: ciao.”

Dal bunga bunga al whisky con Laboccetta a mezzanotte. Perché tutta questa urgenza?

Il consigliere in manette entra anche lui

A metà maggio, Milanese si sente preso in giro da Laboccetta, che gli nasconde di essere stato a Palazzo Grazioli con Dario Cigliano, consigliere comunale di Napoli arrestato nel 2011. Ed è in questi giorni che B. racconta a Laboccetta “che questi giudici anche su ordine del capo dello Stato (Napolitano, ndr) aspettano soltanto” un suo passo falso “per avere la scusa e arrestarlo”. Siamo in pieno patto del Nazareno e quattro mesi prima, Renzi ad Adinolfi dice che “il numero uno (sempre Napolitano, ndr) odia Berlusconi”.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 14/07/2015 5:40

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *