Mogliano, gli attacchi di Berlusconi «500 euro ai diciottenni? Disgustoso» E candida Giorgetti sindaco di Verona

«Abbiamo preso quote crescenti di veleno, i giornali sono indifferenti alla situazione italiana, così le televisioni, come fossimo ancora in una democrazia ma non lo siamo assolutamente». Parole di Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia a Mogliano (Treviso), nell’incontro del Ppe. «Democrazia è governo del popolo – ha aggiunto -, quello di oggi è contro il popolo. Sta in piedi su una maggioranza che si regge su oltre 40 senatori che il popolo aveva votato perché si opponessero alla sinistra».

Per Silvio Berlusconi c’è un solo modo «per estirpare il cancro dell’Isis e il disastro della Siria. Nessun paese può andare da solo. Il modo individuato da Putin è di una grande coalizione che sotto l’Onu metta insieme Usa, Ue, Russia, Cina e qualche stato arabo. Non una singola parte della coalizione – ha detto Berlusconi – perché sarà una guerra sanguinosa, non si potranno fare prigionieri, il fanatismo ha raggiunto i limiti, la gente è disposta ad uccidersi».

«Ho un programma per vincere con oltre tre milioni di voti – ha scandito Silvio – . Volevo tornare sulla scena politica dopo l’affermazione di una mia conclamata innocenza»

E ancora: «I 500 euro per la cultura a chi compie 18 anni e che va a votare per la prima volta sono mance elettorali disgustose», ha graffiato Berlusconi durante il comizio a Mogliano. E Berlusconi ha lanciato anche la volata a Giorgetti, come futuro sindaco di Verona. «La disponibilità data dal nostro deputato Alberto Giorgetti ad un impegno per la città di Verona è un’ottima opportunità per il centrodestra – ha detto – . Nella città scaligera serve un forte cambiamento, che Alberto Giorgetti è certamente in grado di promuovere con un progetto concreto e lungimirante. Mi impegnerò per realizzare nel centrodestra la coesione su Giorgetti e su un programma che renda Verona protagonista di una nuova stagione di sviluppo».

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 29/11/2015 6:52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *