Muore dopo un pranzo in famiglia: colpa del “formaggio killer”?

Mistero sulla morte dell’ex sindaco di Samolaco, Giacomo Del Giorgio, 77 anni, avvenuta a poche ore dal ricovero in ospedale per quella che sembra una intossicazione alimentare. Avevano tutti e tre consumato un usuale pasto in famiglia, e si sono sentiti male, sotto accusa, una forma di formaggio che sarebbe stata acquistata tempo fa in una fattoria della valle solcata dal torrente Mera e poi messa a invecchiare nella cantina di Del Giorgio. “A loro piace tanto il formaggio vecchio, stagionato”.

I fatti risalgono ad alcuni giorni fa, ma solo ieri la notizia è trapelata. La circostanza è stata esclusa dagli esiti degli esami. Sulla vicenda sta indagando la Questura di Sondrio, la Procura ha aperto un’inchiesta mentre, in attesa degli esami del sangue, gli specialisti di igiene dell’ASL si sono recati a San Pietro di Samolaco per analizzare gli alimenti presenti nell’abitazione dei Del GIorgio, elementi utili che potranno aiutare a capire cosa sia successo lunedì sera.

Il laboratorio specializzato dell’Asl di Sondrio sta effettuando le necessarie analisi per risalire alle esatte cause. Il 77enne Del Giorgio, ufficialmente decedeuto per arresto cardiaco, potrebbe essere morto poco dopo il ricovero a causa della listeriosi, un batterio che si può rinvenire nel latte e nei derivati.

Il formaggio si potrebbe essere trasformato, dunque, in una sorta di “veleno”, in particolare per chi è più debole di cuore. Intanto il magistrato ha disposto l’autopsia sull’ex sindaco del paese a vocazione agricola della Valchiavenna.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 17/09/2015 12:44

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *