Napoli, Gragnano: Schiaffi e minacce a bimbi asilo, misura cautelare per maestra

Schiaffi, minacce, violenze e mortificazioni ai suoi piccoli alunni d’età compresa tra i due e i sei anni. Con l’accusa di maltrattamenti aggravati verso fanciulli, una maestra d’asilo in servizio presso la scuola dell’infanzia dell’istituto scolastico comprensivo “Gragnano 3” di Gragnano, nel Napoletano, è stata sottoposta all’obbligo di non allontanarsi dalla propria abitazione dalle 8 alle 19.

A eseguire la misura cautelare, emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale procura, i carabinieri di Castellammare di Stabia. Le investigazioni, durate da gennaio a giugno scorsi, hanno consentito di accertare che l’indagata aveva instaurato durante le sue ore di presenza in aula un clima di tensione e paura nei bambini, vittime dirette oppure spettatori impauriti dei maltrattamenti attuati nei confronti dei compagni.

In più occasioni, l’insegnante ha inveito contro i bimbi e mortifico loro nel caso in cui non avessero rispettato le sue direttive. I bimbi talvolta sono stati schiaffeggiati o minacciati di essere picchiati, ma anche strattonati per le braccia, messi con forza a sedere, costretti a mangiare, anche controvoglia, introducendo con violenza il cibo nelle loro bocche.

Comportamenti che – sottolinea una nota della procura oplontina – hanno provocato nei piccoli scolari, durante e oltre l’orario scolastico, “un abituale stato di malessere fisico e mentale”.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 17/09/2015 12:59

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *