Orrore a Catanzaro: neonata trovata morta dentro un armadio

Era in una valigia nascosta in un armadio il corpo della neonata trovata morta lunedi in una casa di Montepaone Superiore, in provincia di Catanzaro. La macabra scoperta è stata fatta dai carabinieri, allertati dopo la segnalazione del personale dell’ospedale di Soverato dove era giunta una donna con i segni evidenti di una gravidanza e in preda a forti dolori. A insospettire il personale medico è stato il fatto che la donna e il marito non avevano con sé il bambino appena partorito. Cosi hanno segnalalo l’anomalia ai carabinieri che sono subito intervenuti.

La donna è una ucraina di 37 anni, madre di due figli e sposata con un italiano di 40 anni, entrambi residenti a Varese. La coppia si trovava in vacanza nel centro del Catanzarese, dove vive la famiglia dell’uomo. I carabinieri, una volta arrivati nella casa che la donna occupava per le vacanze insieme alla famiglia, hanno trovato il corpicino senza vita in una valigia nascosto nell’armadio. In un primo momento la donna aveva dichiarato di aver avuto un aborto, ma i medici si sono insospettiti per la mancanza del feto. Inoltre dai risultati dei primi esami effettuati sul corpicino della neonata, sarebbero stati evidenziati evidenti segni di una gravidanza portata a termine.

Subito dopo gli accertamenti delle forze dell’ordine la procura di Catanzaro ha iscritto la donna nel registro degli indagati come atto dovuto. La procura ha poi comunicato di essere in attesa di conoscere l’esito degli esami autoptici per sapere se sul corpo del neonato sono presenti segni di violenze e per decidere in merito ad eventuali responsabilità della coppia. Infatti marito e moglie nella serata di ieri sono stati interrogati a lungo per ricostruire quanto accaduto. L’uomo ha raccontato di non essere a conoscenza della gravidanza e di avere soccorso la moglie senza sapere cosa stesse accadendo. La donna, invece, è ricoverata nel reparto di ginecologia ed ostetricia di Catanzaro dove è stata sottoposta a trasfusioni ematiche ed è seguita da uno psicologo.
L’autopsia sul corpo della bambina è invece prevista per la giornata di oggi.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 19/08/2015 9:17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *