Prescrizione di FARMACI costosi controlegge: 482 medici segnalati alla Corte dei Conti

I nomi dei professionisti, provenienti anche da Brindisi, Bari e Taranto, sono spuntati dai controlli effettuati dagli uomini del Nucleo polizia tributaria della Guardia di finanza di Brindisi mirati ad accertare le modalità di prescrizione dei farmaci per la cura di insufficenza cardiaca, diabete e altre condizioni cliniche ad alto richio cardiovascolare.

Nello specifico è emerso che, nel prescrivere tali farmaci, molti medici non rispettavano le indicazioni terapeutiche specifiche approvate dall’Aifa, Agenzia italiana del farmaco, ed alle disposizioni dell’assessorato alla sanità per l’attuazione del piano di rientro nel settore sanitario pugliese.

A un imprenditore di Brindisi, fornitore di servizi di assistenza, manutenzione e noleggio di apparecchiature per uffici dell’Asl, che non avrebbe dichiarato al fisco oltre 7 milioni di euro insette anni sono state sequestrate dalla guardia di finanza con un provvedimento ‘per equivalentè disponibilità finanziarie e beni per un valore complessivo di circa 1 milione e 400 mila euro, oltre che denaro contante per 60.000 euro in banconote di grosso taglio.

Hanno prescritto farmaci troppo costosi: 482 medici segnalati alla Procura della Corte dei Conti. Pur vantando un giro d’affari milionario, è stato accertato che dichiarava poco o niente al Fisco, riuscendo così ad accumulare un “tesoretto” su cui i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno messo le mani, procedendone al sequestro.

Le Fiamme Gialle, insospettite dai numerosi trasferimenti di denaro disposti in suo favore dall’A.S.L., hanno eseguito una verifica fiscale e ricostruito l’effettivo volume d’affari, anche attraverso indagini finanziarie.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 19/09/2015 5:25

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *