Sanita, a Villa Sofia ancora concorso per cinque primari

Villa Sofia riparte. Dopo il caos provocato dalle inchieste giudiziarie, mentre si lavora per tornare al necessario clima di serenità, l’azienda ospedaliera ha deciso di aprire la stagione dei concorsi nella sanità pubblica siciliana. Via libera infatti da parte della Direzione strategica, con i Direttori generale, sanitario e amministrativo Gervasio Venuti, Giovanni Bavetta e Fabrizio Di Bella, al provvedimento che indice la selezione pubblica per titoli e colloqui per il conferimento degli incarichi quinquennali di direttore di struttura complessa di Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza, Anestesia e Rianimazione del Presidio ospedaliero “Cervello”, Chirurgia Toracica, Neurologia e Farmacia.

L’iniziativa rientra nei criteri sanciti dal piano di riqualificazione funzionale della rete ospedaliera-territoriale della Regione Siciliana e anticipa i successivi passaggi che l’Azienda dovrà effettuare per la nuova dotazione organica. L’avviso per la selezione sarà pubblicato nei prossimi giorni sulle Gazzette ufficiali regionali e nazionali e sul sito aziendale.

“C’è la necessità – sottolinea il direttore generale Gervasio Venuti – di coprire al più presto questi posti rimasti vacanti e in accordo con l’Assessorato abbiamo avviato le necessarie procedure. La novità è rappresentata dal fatto che, rispetto al passato, sono stati individuati requisiti più stringenti per l’assegnazione di questi incarichi e strettamente funzionali ai compiti che i nuovi direttori andranno a svolgere. Non più dunque profili generici, bensì specifici per figure di alta professionalità e competenza, in linea con le più moderne esigenze di un’Azienda che occupa un posto di rilievo nel panorama della sanità pubblica siciliana e che guarda avanti in un’ottica di innovazione, di miglioramento dei servizi e di un innalzamento degli indici di attrazione extraprovinciale, oggi comunque già in fase di crescita”.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 02/08/2015 11:22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *