Sbarcati 3.000 immigrati in 4 giorni Agli scafisti mezzo milione di dollari

di Caterina Maniao – È di 550 mila dollari il guadagno per un viaggio dal Nord Africa alla Sicilia, organizzato da un gruppo malavitoso libico. Una cifra di tutto rispetto, che spiega anche perché in molti si dedichino a questa disumana ma – a quanto pare – remunerativa attività illegale, con il relativo aumento degli sbarchi di immigrati sulle nostre coste. A Pozzallo la polizia ha fermato un tunisino ritenuto lo scafista di un barcone con 360 migranti a bordo, soccorsi dalla Guardia Costiera venerdì scorso e giunti poche ore dopo al porto di Pozzallo. Si tratta di Mehamad Aenouri, di 21 anni. A bordo della fatiscente imbarcazione, salpata dalla Libia, migranti eritrei e sudanesi che hanno collaborato all’individuazione dello scafista. Dando notizia dell’arresto gli investigatori hanno rivelato alcuni particolari sulle tariffe imposte dai trafficanti di uomini. A bordo del barcone 360 migranti che avrebbero pagato in media 1500 dollari ciascuno per la traversata. Lo ha reso noto la questura di Ragusa nell’ambito di una operazione che ha consentito l’arresto di un presunto scafista di nazionalità tunisina, lo stesso che avrebbe condotto il barcone in Italia. Nel 2015 sono 84 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa. Lo scorso anno ne erano stati arrestali 199.

Intanto, però, il flusso degli sbarchi prosegue quasi ininterrottamente. Ieri è arrivata al porto di Palermo la nave Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere con 529 migranti salvati nel Canale di Sicilia. A bordo anche 5 corpi senza vita, quattro donne e un uomo deceduti per disidratazione. A Reggio Calabria, invece, è giunta la nave Mimbell della Marina Militare con a bordo 369 migranti, di cui 263 uomini, 88 donne (otto delle quali incinte) e 45 minori. Nel porto, per la prima volta, è stata allestita la tenda sociale del ministero deU’Interno per consentire l’assistenza ed i primi soccorsi ai migranti. Tra gli immigrati sono stati segnalali alcuni casi di scabbia. Sono sbarcati sul molo Ronciglio di Trapani 394 migranti giunti a bordo della nave Fiorillo della Marina militare. Tra loro oltre un centinaio di  donne, alcune in gravidanza.

I dati ufficiali – dati del Mmistero dell’Interno – indicano che i migranti che hanno raggiunto le coste italiane dall’ 1 gennaio al 30 giugno 2015 sono stati 70.354, con un incremento rispetto allo stesso periodo del 2014, quando i migranti soccorsi in mare nei primi sei mesi dell’anno erano stati 63.884. Sempre secondo gli ultimi dati forniti dal Viminale, nelle varie strutture di accoglienza sono presenti 90.278 persone: la prima regione per presenze è la Sicilia, con il 17 % di immigrati, ossia 15.145 persone, seguila dal Lazio, con 8540, ossia il 9%. Se l’incremento non sembra una cifra allarmante, la realtà è che gli arrivi non si fermano praticamente mai e i centri di accoglienza sono allo stremo,

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 04/08/2015 7:20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *