Sesso, sono le donne a volerlo più degli uomini. Ma qualcosa le blocca

Le donne vogliono fare sesso più degli uomini: questa la scoperta di un sondaggio portato avanti da Kindara, un’app dedicata alla fertilità. Un’affermazione del genere rivoluziona la convinzione da sempre condivisa secondo la quale sono gli uomini a pensare sempre al sesso mentre le donne possono tranquillamente farne a meno. Kindara ha chiesto a 500 donne se fossero appagate della loro vita sotto le lenzuola e la risposta ha destato non poco stupore: più del 50 per cento si è detto insoddisfatto dalla frequenza dei rapporti sessuali con il partner. Il 75 per cento delle donne ha dichiarato infatti che vorrebbe avere almeno 3 rapporti a settimana, mentre un energico 13 per cento arriverebbe volentieri a 6 (e quello mattutino, a quanto pare, allunga la vita).

Oltre alla frequenza, Kindara ha voluto indagare anche il grado di soddisfazione delle donne. Mariti e fidanzati possono tirare un sospiro di sollievo: buone notizie dal 72 per cento delle intervistate, le quali hanno affermato di arrivare all’orgasmo ogni volta (e molte ne hanno addirittura di multipli). Per quanto riguarda la parte più piacevole del rapporto, la metà delle donne l’ha identificato nel sentimento provato per il partner, mantenendo un romanticismo di fondo coerente con la sfera femminile così com’è stata immaginata nei secoli; molto più pragmatico il 23 per cento, che preferisce invece i preliminari.

Tra i motivi per non fare sesso, il 40 per cento afferma che sia lo stress quello principale: non il classico ‘mal di testa’ quindi, ma l’elevato carico emotivo che ci si porta dietro durante le frenetiche giornate. Il 18 per cento delle intervistate, in ogni caso, non vuole sentire ragioni ed è più determinato che mai. Il capoufficio petulante, i figli che devono essere portati a scuola, la spesa da fare e la casa da mettere in ordine non hanno alcun potere:quando hanno voglia di fare sesso, nulla può far cambiare loro idea!

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 17/09/2015 13:04

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *