Sorrento violentano turista americana, si fanno il selfie e continuano a vivere felici…

Esplora il significato del termine: Hanno violentato due volte una turista americana nel bagno della discoteca, poi si sono scattati un selfie facendo il segno della vittoria con l’indice e il medio e l’hanno postato su Facebook. Riccardo Capece, 20 anni, studente universitario, e Francesco Franchini, 22 anni, ex calciatore di serie D, sono stati arrestati ieri dai carabinieri, che li hanno identificati grazie alle immagini riprese dalle telecamere del locale. Franchini è stato incastrato dal tatuaggio che gli copre quasi per intero il braccio destro.

La vicenda risale alla notte tra il 27 e il 28 luglio, quando i due giovani, che vivono in provincia di Caserta, vanno in una nota discoteca di Sorrento. Riccardo e Francesco sono in vacanza e i loro giorni, come racconta Facebook, trascorrono tra le feste, la spiaggia e gli incontri con gli amici. Riccardo è figlio del titolare di una nota catena di ristoranti. Francesco, che ha giocato da centrocampista per il Sora e il Gladiator, ha ancora un discreto numero di ammiratori e ammiratrici. Sono belli, brillanti, se la cavano con l’inglese: così non hanno difficoltà ad abbordare due turiste americane venticinquenni, studentesse in vacanza in Italia. Le ragazze, arrivate da pochi giorni, alloggiano in un bed and breakfast della penisola sorrentina. Tra Francesco e Jane (il nome è di fantasia) scatta subito la scintilla: trascorsa qualche ora si stanno già baciando. Lui forse dà per scontato quale piega prenderà la serata. La ragazza invece non vuole andare oltre e lo fa capire. Così non immagina, quando va alla toilette, che lui la segua.stupro-kiXG-U43110419184247AlB-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Le telecamere di sicurezza installate nell’antibagno riprendono il calciatore che la spinge a forza dentro la toilette. Lì, secondo la ricostruzione dei carabinieri, Franchini le strappa gli slip e abusa una prima volta di lei. Poi esce. Esce anche Jane, sconvolta, che rintraccia la sua amica e le chiede aiuto. Vorrebbero chiamare la polizia, ma con i loro telefoni cellulari americani non ci riescono. Decidono di lasciare il locale, ma prima Jane vuole rimettersi in ordine gli abiti e sciacquarsi il viso. Torna in bagno. E, stavolta, a bloccarla sono in due. Francesco e Riccardo vengono ripresi mentre la spingono di nuovo dentro. Niente schiaffi, niente percosse, ma lei non riesce a divincolarsi dalla stretta. La violentano in due. Poi, finalmente, lei scappa.

Il giorno dopo, grazie all’aiuto di un connazionale, va dai carabinieri di Sorrento e racconta tutto. Scattano le indagini. Vengono recuperate le immagini della telecamera e anche gli slip strappati, che erano finiti nella spazzatura della discoteca. I due amici, per niente turbati, continuano la loro vacanza: a Nerano, sulla terrazza di un ristorante, si scattano il selfie col segno della vittoria.
Su Facebook lo posta Riccardo, che commenta: ‘o sol e ‘o mar, il sole e il mare. La Procura di Torre Annunziata chiede e ottiene dal gip un’ordinanza di custodia cautelare: a Franchini vengono contestate la violenza sessuale e la violenza sessuale di gruppo, a Capece solo il secondo reato. Il calciatore, peraltro, era già stato denunciato dalla polizia per una vicenda simile, quando giocava a Sora. Jane, nel frattempo, è ripartita per gli Stati Uniti, cercando di dimenticare la vacanza da incubo. Hanno violentato due volte una turista americana nel bagno della discoteca, poi si sono scattati un selfie facendo il segno della vittoria con l’indice e il medio e l’hanno postato su Facebook. Riccardo Capece, 20 anni, studente universitario, e Francesco Franchini, 22 anni, ex calciatore di serie D, sono stati arrestati ieri dai carabinieri, che li hanno identificati grazie alle immagini riprese dalle telecamere del locale. Franchini è stato incastrato dal tatuaggio che gli copre quasi per intero il braccio destro.

La vicenda risale alla notte tra il 27 e il 28 luglio, quando i due giovani, che vivono in provincia di Caserta, vanno in una nota discoteca di Sorrento. Riccardo e Francesco sono in vacanza e i loro giorni, come racconta Facebook, trascorrono tra le feste, la spiaggia e gli incontri con gli amici. Riccardo è figlio del titolare di una nota catena di ristoranti. Francesco, che ha giocato da centrocampista per il Sora e il Gladiator, ha ancora un discreto numero di ammiratori e ammiratrici. Sono belli, brillanti, se la cavano con l’inglese: così non hanno difficoltà ad abbordare due turiste americane venticinquenni, studentesse in vacanza in Italia. Le ragazze, arrivate da pochi giorni, alloggiano in un bed and breakfast della penisola sorrentina. Tra Francesco e Jane (il nome è di fantasia) scatta subito la scintilla: trascorsa qualche ora si stanno già baciando. Lui forse dà per scontato quale piega prenderà la serata. La ragazza invece non vuole andare oltre e lo fa capire. Così non immagina, quando va alla toilette, che lui la segua.

Le telecamere di sicurezza installate nell’antibagno riprendono il calciatore che la spinge a forza dentro la toilette. Lì, secondo la ricostruzione dei carabinieri, Franchini le strappa gli slip e abusa una prima volta di lei. Poi esce. Esce anche Jane, sconvolta, che rintraccia la sua amica e le chiede aiuto. Vorrebbero chiamare la polizia, ma con i loro telefoni cellulari americani non ci riescono. Decidono di lasciare il locale, ma prima Jane vuole rimettersi in ordine gli abiti e sciacquarsi il viso. Torna in bagno. E, stavolta, a bloccarla sono in due. Francesco e Riccardo vengono ripresi mentre la spingono di nuovo dentro. Niente schiaffi, niente percosse, ma lei non riesce a divincolarsi dalla stretta. La violentano in due. Poi, finalmente, lei scappa.

Il giorno dopo, grazie all’aiuto di un connazionale, va dai carabinieri di Sorrento e racconta tutto. Scattano le indagini. Vengono recuperate le immagini della telecamera e anche gli slip strappati, che erano finiti nella spazzatura della discoteca. I due amici, per niente turbati, continuano la loro vacanza: a Nerano, sulla terrazza di un ristorante, si scattano il selfie col segno della vittoria.
Su Facebook lo posta Riccardo, che commenta: ‘o sol e ‘o mar, il sole e il mare. La Procura di Torre Annunziata chiede e ottiene dal gip un’ordinanza di custodia cautelare: a Franchini vengono contestate la violenza sessuale e la violenza sessuale di gruppo, a Capece solo il secondo reato. Il calciatore, peraltro, era già stato denunciato dalla polizia per una vicenda simile, quando giocava a Sora. Jane, nel frattempo, è ripartita per gli Stati Uniti, cercando di dimenticare la vacanza da incubo.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 25/08/2015 15:17

Comments

  1. Solo l’ultimo caso di un sistema politico sociale italiano tutto
    in stile di sinistra cioè permissivismo e tolleranza estrema senza punizioni esemplari . Il fascismo di certo avrebbe fermatoqueste bestieinvece imperano in una politica tutta italiana.

    1. Sarebbe stata la stessa cosa se due imprenditori neo – fasci avessero fatto lo stupro?? Come molti destroidi come te hanno fatto da sempre. .. vedi cialdini fascio savoia che ha violentato donne e bambini. . Ma si fotteva di paura davanti agli austriaci..

  2. ORA DATEGLI UNA MEDAGLIA. O FINIRA TUTTO A TARALLI E TARALLUCCI ?? BELLA PUBLICITA CHE FANNO ALL’ITALIA. CHE LA PUNIZIONE SIA ESEMPLARE QUESTI 4 STRONZI NULLAFACENTI E SPRORO CHE A QUALCHE SORELLA LORO GLI CAPITI DI PEGGIO.

  3. Ebbene dite a loro che fanno cacare si sentono belli e forti ma se non riescono a farsi una scopatella normale come fanno le persone normali si devono gettare in un cassonetto di immondizia brutti schifosi ,,,,,,, la piu bella punizione non è metterli in carcere ma tagliarli l’uccello e gettarlo in mare pezzenti

  4. Direi di spedirli negli USA affinché possano pagare alla giustizia americana il reato contro una cittadina americana.
    Noi che ce ne facciamo di queste bestie senza cervello ?. Non sono utili nemmeno a scopare un cortile di un carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *