Squilibrata alla Casa Bianca Arrestata assistente di Obama

MAURIZIO STEFANINI – A lei è costato, per ora, 75.000 dollari di cauzione e il posto di lavoro. Per Barack 0barila è un ennesimo segnale d’allarme sull’affidabilità di chi gli sta attorno: ma in fondo anche una conferma su quello che ha confessato rimpiangere come il più grande fallimento della sua Amministrazione, il non essere riuscito a porre un freno all’eccessiva circolazione e uso di armi. C’è riuscito tanto poco, che perfino la sua assistente speciale Barvetta Sìngletarv, afro- americana 37enne, è finita dentro per aver puntato una pistola contro il suo fidanzato.
Sotto un certo punto di vista, la vicenda ricorda una vecchia canzone di Fred Buscagliene del 1957. «Teresa,/ ti prego,/ non scherzare col fucile,/ per la rabbia tua la bile può scoppiar!».

La differenza è che mentre la protagonista di quella storia immaginaria era una casalinga, Barvetta Singletary era Special Assistant to thè President and House Legislative Affairs Liaison. Assistente speciale per il collegamento degli affari legislativi tra il presidente e la Camera. Ora messa in congedo non retribuito e con revocato il pass per l’accesso alla dimora del Presidente, Barvetta era fidanzata a un agente di polizia di Capimi Hill. Come nel caso della canzone di Fred Buscagliene, a scatenare la follia balistica era un sospetto di infedeltà. «È stata una follia,/ l’ho incontrata per la via,/ Vieni a casa mia / cosa mai potevo far?», provava a giustificarsi il marito di Teresa quando di ritorno a casa se la vedeva ad accoglierlo con l’arma spianata. «Un bacio ha domandalo,/ te lo giuro ho rifiutato,/ ed abbiamo poi parlato, pensa un po’,/ sempre di le!/ Perciò Teresa,/ ti prego,/ non scherzare col fucile,/ far così non è gentile, lascia andar… ».

Secondo la ricostruzione della polizia Barvetta ha invece giocato in modo più subdolo, inviando un sms all’uomo per invitarlo a casa sua. I due hanno passato la notte assieme, ma alle 5,30 del mattino lei ha chiesto di uscire, e di ritorno in macchina ha iniziato a battere incessantemente sul tasto delle supposte relazioni di lui. «Perché non mi fai controllare i tuoi cellulari, se non hai niente da nascondere?». Lui si rifiuta. Lei se li prende a forza dalla borsa di lui, assieme alla sua pistola d’ordinanza: una dock 23 calibro 40. Poi gli chiede di nuovo di dargli le password, per controllare gi sms. Nuovo rifiuto, lei scappa via dall’auto con pistola e due telefonini, e si rifugia nel suo appartamento.

Lui la segue: «Ridammi la pistola!». «I tuoi cellulari sono più importanti di me che ho una pistola in mano?», è la risposta. Poi lei punta l’arma: «Mi hai insegnato come usarla. Non penso che tu voglia che la usi», e spara un colpo a terra. Lui a quel punto decide di prendere il largo, chiama il 911, e alla polizia il poliziotto denuncia l’assistente speciale del presidente della repubblica. Secondo la testimonianza di un vicino, lei tenta di cancellare le impronte digitali sull’arma con un asciugamano, ma è inutile. Arresto, scarcerazione dopo cauzione, e licenziamento.
Il bello è che Barvetta era entrata nello staff della Casa Bianca nel 2014, dopo essere stata vice capo dello staff e direttore politico dell’ufficio di James Claybum: deputato della Carolina del Sud e numero tre dei democratici alla Camera. Insomma, era stata un “omaggio” al primo presidente nero da parte d i uno dei neri più potenti del Congresso. Probabilmente, aveva pure collaborato in un ruolo centrale nei reiterati tentativi di Obama appunto per limitare la circolazione delle armi.

Non è la prima volta che il personale della Casa Bianca crea imbarazzi a Obama. Poco più di un anno fa tre agenti del Secret Service, il corpo responsabile della protezione del presidente, sono stati sospesi dal servizio dopo che si erano ubriacati ad Amsterdam. Prima ancora, altri agenti del Secret Service durante un Vertice delle Americhe a Cartagena erano stati coinvolti in un altro scandalo con una prostituta che non essendo stata pagata aveva sollevato un putiferio.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 12/08/2015 7:20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *