Tim, Vodafone, Tre e Wind: Vittima di servizi a pagamento? ecco come disattivarli

Se il nostro credito telefonico scompare senza che noi effettuiamo alcuna chiamata, senza che mandiamo SMS o ci connettiamo ad Internet, e non abbiamo abbonamenti, allora c’è qualcosa che non va, ovviamente.

Questo qualcosa che non va è qualche servizio a pagamento che quasi sicuramente abbiamo attivato sbadatamente. I servizi a pagamento ci vengono attivati quando rispondiamo, in buona fede, a qualche SMS che promette qualcosa gratuitamente, e di conseguenza andiamo ad abbonarci a nostra insaputa (anche se molte volte è segnalato in piccolino o “in codice”) a servizi a pagamento costosi.

I principali pericoli sono:

SMS truffaldini: molti messaggi ci invogliano a rispondere con parole semplici, come ad esempio solo “SI”, per ricevere qualcosa gratuitamente, senza poi informarci che ci saranno successivi contenuti a pagamento che riceveremo;
Estrazioni per vincere qualcosa: nella maggior parte delle estrazioni si partecipa gratuitamente (alla prima) per vincere premi vari, ma ci si inscrive anche alle successive che sono a pagamento (oppure ad altri servizi sempre a pagamento);
Contenuti gratuiti (banner su smartphone): cliccando sui banner che troviamo nelle app, molte volte viene richiesto di inserire il nostro numero di cellulare per farci inviare un codice ed utilizzare altre app, che normalmente sarebbero a pagamento, gratuitamente. Quando confermiamo il tutto con il codice, ci iscriviamo automaticamente a qualche abbonamento;
Contenuti gratuiti (tramite TV): quelli tramite TV sono i servizi in abbonamento più costosi. Ci invogliano come sempre a ricevere un contenuto (suonerie, immagini, app) o a partecipare ad un estrazione semplicemente inviando un SMS (gratuitamente), e nello stesso tempo ci iscrivono ad abbonamenti costosi che neanche sappiamo di cosa trattano.

Questi abbonamenti sono veramente costosissimi, e possono andare dai 5 euro al mese fino anche ai 30 euro al mese, se non di più. Se poi li attiviamo contemporaneamente la spesa diventa enorme e ci ritroviamo con il credito a zero in poche settimane (certi servizi hanno il pagamento settimanale o anche giornaliero).

Per non continuare a pagare, e quindi cancellare l’iscrizione a tutti questi servizi, appena ci accorgiamo che il nostro credito scompare magicamente, possiamo sfruttare una di queste modalità per disattivarli tutti:

1. Informarsi via Internet e cancellarsi con la dicitura esatta: se riusciamo a capire a quale tipo di servizio siamo iscritti, possiamo cercare su Internet il numero e il testo del messaggio che dobbiamo inviare per cancellarci;
2. Cancellarsi con STOP: molti servizi utilizzano il comando universale STOP per cancellare le iscrizioni. A questo punto appena riceviamo un messaggio del servizio rispondiamo con un messaggio con scritto semplicemente STOP;
3. Utilizzare il sito del gestore telefonico: in alcuni casi tramite il sito del nostro gestore telefonico, dopo essersi iscritti e aver fatto il login, è possibile verificare a quali servizi a contenuto siamo abbonati, e disattivarli tutti;
4. Contattare il servizio clienti: il metodo più semplice è sicuramente quello di chiamare il servizio clienti del nostro gestore telefonico, il quale non solo ci disattiverà tutti contenuti a pagamento che abbiamo attivato, ma ci disattiverà anche la futura possibilità di attivarli, così da non rischiare più di perdere credito inutilmente.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 24/08/2015 10:04

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *