Topo a bordo sul volo di linea Delhi-Milano: l’aereo torna indietro

Un ratto a bordo ha seminato il panico tra i passeggeri di un aereo partito da New Delhi e diretto a Milano, costringendo il velivolo a fare marcia indietro due ore dopo il decollo. La notizia è stata riportata venerdì dal The Times of India. 

Si trattava di un Dreamliner, volo AI-123, con circa 200 persone a bordo, tra cui molti italiani. Quando l’aereo si trovava sui cieli del Pakistan, alcuni passeggeri avrebbero visto il roditore passare tra i sedili e hanno subito avvertito l’equipaggio.

Secondo il giornale, in questi casi “il regolamento prevede che l’aereo debba atterrare al più presto” per liberarsi dell’intruso.

Il pilota ha quindi fatto subito un’inversione di rotta, ma essendo un volo intercontinentale ha dovuto svuotare i serbatoi che erano pieni prima di atterrare di nuovo a Delhi. L’incidente e’ stato confermato da un portavoce di Air India.

“Il Delhi-Milano – ha detto – è stato costretto a tornare indietro a causa del sospetto avvistamento di un topo”. Anche se la sua presenza del roditore “non e’ stata confermata” e’ stato deciso di far tornare indietro l’aereo per precauzione. “Prima di tutto – ha aggiunto – viene la sicurezza dei passeggeri”.

Il velivolo è quindi stato ispezionato e sottoposto a una accurata disinfestazione, mentre i passeggeri sono ripartiti su un altro aereo, ma con un ritardo di oltre quattro ore. Il portavoce non ha specificato se e’ stato trovato il topo, ma ha aggiunto che sara’ avviata un’indagine. E’ la seconda volta in un mese che un volo di Air India e’ stato sospeso per la presenza di un roditore.

Secondo un pilota citato dal quotidiano, la presenza di questi animali nella cabina può portare a seri problemi in quanto possono danneggiare l’impianto elettrico rosicchiando i fili. Tuttavia, continua, “si tratta di un problema universale che capita in tutto il mondo perché spesso i topi si nascondono nelle casse del cibo che viene caricato a bordo”.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 31/07/2015 17:03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *