Tsipras, corsa contro il tempo Ma il governo è al capolinea

Quando stamani si riunirà per cercare disperatamente di tenere in vita la prospettiva di un futuro nell’euro, il parlamento di Atene avrà davanti a sé un paesaggio stravolto rispetto a quando aveva mandato il governo a trattare a Bruxelles tre giorni fa. I vertici europei del weekend rimandano ad Atene condizioni finanziarie così pesanti, e un percorso politico così tortuoso che l’esperienza del primo governo dei radicali e dei populisti nell’area euro sembra (per il momento) già ai titoli di coda: solo l’esecutivo di unità nazionale già in incubazione dietro le quinte ha qualche chance, poche in realtà, di salvare un Paese il cui equilibrio è sempre più compromesso. Persino il Fondo monetario internazionale guarda ormai con favore a un governo tecnico per gestire la trattativa.

Non sarà facile, perché i rischi di mettere il piede in una trappola sono ad ogni passo. Se c’è un punto che in Grecia sembra inaccettabile persino ai partiti più aperti ai piani europei di riforme, è l’asso uscito sabato sera dalla manica di Wolfgang Schaeuble: un fondo piazzato in Lussemburgo nel quale siano assemblati beni dello Stato greco del valore, presunto, di 50 miliardi di euro. Il ministro delle Finanze di Berlino in quella misura vede la garanzia che Alexis Tsipras non si prenda i primi dieci o venti miliardi del prossimo pacchetto di prestiti e scappi verso la rottura con l’Europa, la strategia del default deliberato e nuove elezioni. Non è un timore del tutto irrealistico, dopo il referendum a sorpresa di una settimana fa: Syriza, il partito del premier greco, viaggia ancora nei sondaggi al 37%, diciotto punti sopra i conservatori di Nea Demokratia, e il suo giornale di partito Avgi ieri sera parlava apertamente proprio di un voto anticipato.

Atene invece vede nel progetto di Schaeuble un puro e semplice pignoramento, un atto incostituzionale che può fungere da detonatore di qualunque accordo con l’Europa. E chiunque abbia ragione, a ben vedere dietro quell’iniziativa tedesca, così come dietro l’avversione dei greci ad essa,traspare tutta la doppiezza di questa partita ancora aperta. In superficie ciascuno dei due fronti manovra per arrivare ad un accordo alle condizioni migliori per sé. Più in profondità entrambi i fronti cercano invece le condizioni più adatte per scaricare sugli avversari la colpa, se e quando la Grecia finirà per infrangere il tabù dell’irreversibilità dell’euro.

La prossima prova di questa doppia partita si consuma fra oggi a mercoledì nel parlamento di Atene. La lista di misure che l’Eurogruppo chiede di trasformare in legge entro tre giorni, solo per avviare il mandato a negoziare un nuovo salvataggio, è così lunga che un’intera legislatura in Italia faticherebbe a farcela. In Grecia può produrre un cambio di maggioranza in corsa, con l’allargamento al Pasok (centrosinistra), a Potami (liberali) e a Nea Demokratia (centrodestra). I loro voti sono dramma ticamente necessari a Tsipras, se non altro per non prendersi la colpa del fallimento delle trattative con Bruxelles.

Fra oggi e mercoledì il parlamento greco dovrebbe alzare l’Iva a tutto campo, incluso un aumento dal 13% al 23% sugli alimenti da supermarket in un Paese colpito dalla malnutrizione; alzare i contributi su tutte le pensioni dal 4% al 6%, in vista di una riforma generale del settore; adottare un codice di procedura civile; garantire la piena indipendenza dell’agenzia statistica, dove il direttore Andreas Georgiou è ancora sottoposto a ogni sorta di minacce e pressioni per aver rivelato la vera entità del deficit cinque anni fa; introdurre tagli di spesa «semi-automatici» se saranno mancati gli obiettivi di bilancio, praticamente una certezza in un’economia ormai in piena disfatta; trasporre in legge le direttive europee sul «recupero e la liquidazione» di un sistema bancario di fatto insolvente.

Tutto questo dovrebbe succedere fra oggi e domani, mentre dai bancomat verranno spremuti gli ultimi biglietti in euro. La Banca di Grecia vorrebbe chiedere alla Banca centrale europea nuovi prestiti di emergenza «per ragioni umanitarie», ma in mancanza di un embrione di accordo a Francoforte mancano le basi legali per farlo. Così la Grecia apre stamani una settimana di paralisi e devastazione, mentre un governo già in default chiede all’Europa altri prestiti per quasi metà del prodotto interno lordo del Paese dopo aver negato per mesi di volerne: come se improvvisamente l’Italia chiedesse 700 miliardi al resto d’Europa. La credibilità, come gli euro, è sempre più dura da estrarre dai muri delle strade di Atene.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 13/07/2015 5:38

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *