WhatsApp: Come Inviare Messaggi Anonimi

Tra le tante vie scelte da chi vuol restare nell’ombra c’è proprio quella di mandare messaggi anonimi WhatsApp a qualsiasi device supportato dall’applicazione, indipendentemente dal fatto che sia iPhone, Android, Windows Phone o BlackBerry. Alcune persone usano questo trucco per spiare WhatsApp o altri Social Networks comunicando in incognito attraverso un numero sconosciuto alla rubrica della vittima, in modo tale che non possa essere localizzato mascherando la sua identità e la sua posizione. Tuttavia, il servizio è attivo non per questo e può essere usato in molti altri casi.

N.B.: Non mi assumo nessuna responsabilità in merito ai procedimenti descritti, sono esposti a titolo informativo.

C’è chi spedisce dei messaggi anonimi WhatsApp per fare uno scherzo all’amico, chi per inviare comunicazioni spia con attacchi di spear-pishing come quelle che consentono di rubare un account Facebook. In ogni caso, potrebbe anche darsi che trovandovi in una particolare situazione (esaurimento del credito residuo per l’offerta internet, essere all’estero o sprovvisti di SIM card, fine dell’abbonamento WhatsApp, furto o smarrimento del dispositivo, situazioni di emergenza…) abbiate la necessità di recapitare messaggi anonimi WhatsApp per contattare qualcuno in privato (senza lasciar registrato il vostro nome sul server) il cui numero collegato all’account lo conoscete a memoria. Ecco perché ho voluto darvi una rapida soluzione per inviare messaggi anonimi WhatsApp quando si ha a disposizione soltanto un PC. Vediamo come fare:

1. Collegarsi via browser al servizio Wassame

* utilizzate Chrome o altri browser diversi da Safari perché con esso durante i miei test ho notato che non funzionano alcune opzioni

2. Nella pagina vedrete una schermata come questa:

Wassame Messaggi Anonimi WhatsApp

3. Da lì avrete a disposizione queste opzioni (come potete notare dalle icone):

  • mandare messaggi anonimi o d’emergenza
  • caricare foto in formato Jpeg, Png & Gif fino ad un massimo di 5MB
  • eseguire l’upload di video in formato Mp4di massimo 20MB (un’altra buona chance per evitare il limite dei 16mb imposto dall’app)
  • inviare note vocali Mp3, Wav & M4a grandi fino a 5MB
  • inviare la posizione GPS inserendo le coordinate (molti la usano per falsificarla)
  • caricare e spedire vcard di contatti in formato Vcf

4. In questo caso dovrete cliccare sull’icona “comunicazione” (la prima a sinistra) e selezionare l’opzione Anonymous, scegliere la nazione (per il prefisso) dal menù intuitivo “Country” e digitare il numero di telefono del destinatario nell’editor di testo “Number” (senza il codice Paese)

* potete inserire anche numeri esteri (una buona idea per risparmiare soldi)

5. Adesso, per concludere l’operazione e mandare messaggi anonimi WhatsApp dovrete prima scrivere il testo (non più di 250 parole) e inserire il verification code (come vedete nell’immagine in basso a destra)

6. Fatto questo, dalla voce “Display Publicly” scegliere se rendere pubblico (ON) o meno (OFF) il messaggio (se lo fate lo visualizzerete in “live” come tutti gli altri nello slider Recent’s WhatsApp di destra)

7. Completate le scelte, potete inviare dei messaggi anonimi WhatsApp cliccando semplicemente sul tasto verde Send!

* nel caso inviaste messaggi d’emergenza oltre al testo del messaggio dovrete inserire il vostro nome e cognome per farvi identificare

Cosa C’è da Sapere quando si inviano dei Messaggi Anonimi WhatsApp

Il servizio è un sito web pubblico e come recitano le regole è buona norma evitare l’invio di media files contenenti nudo, sesso, scene erotiche o elementi minacciosi. Per quanto riguarda invece il limite per l’invio di messaggi anonimi WhatsApp il servizio consente di spedire 1 messaggio ogni 24 ore allo stesso numero poiché è attivo un filtro antispam. Secondo me è un’ottima funzionalità questa per tutelare il destinatario e l’unico consiglio che posso dare al mittente è quello di sfruttare tutti i 250 caratteri disponibili per il singolo messaggio.

FacebookTwitterGoogle+
Scritto da Magazine Donna il 19/07/2015 19:56

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *