Addio alla carta stampata: il nuovo fascicolo sanitario sarà in formato elettronico

2003

Fascicolo Sanitario Elettronico, la nuova frontiera delle cure

Nell’undicesima edizione del Convegno su Sanità e Information Technology, Health It, il principale tema trattato è stato uno: il fascicolo sanitario elettronico.


Il passaggio di tutta la documentazione medica relativa ad un paziente dal formato cartaceo al formato elettronico segna un grande traguardo per la sanità italiana: dati demografici, cure, terapie, referti, allergie, vaccinazioni e statistiche personali saranno registrate in un mondo virtuale, condiviso e nello stesso tempo riservato.

I vantaggi derivanti da questo cambiamento sono spiegati da Roberto Negrini, il Direttore di Medicina Specialistica dell’Usl di Bologna:

“Avere in tempo reale la disponibilità di tutte le informazioni cliniche del paziente garantisce una maggiore efficacia dell’intervento sanitario, soprattutto se erogato in situazioni di emergenza o se intervengono diversi operatori. Con una riduzione dei costi di alcuni miliardi di euro”.

Il Professor Mauro Moruzzi, Direttore Generale di Cup 2000, afferma che “E’ un po’ come quello che sta accadendo con le banche online. Adesso tocca alla sanità”.

Al di fuori del confine italiano, il fascicolo elettronico è già in uso in Canada e in Inghilterra, mentre in Italia le regioni di Emilia Romagna e Lombardia sono le prime ad aver aderito al nuovo metodo.

La legge ha comunque indicato un tempo limite massimo per la conversione dei dati, come afferma Negrini:

“Il Decreto del “Fare” dell’ex-premier Letta chiede a Regioni e Province Autonome di presentare un piano di realizzazione entro il 30 Giugno 2014” e, quindi, per la fine del mese di Giugno del 2015 si dovrà iniziare l’operazione di archiviazione virtuale che, entro il 31 Dicembre 2015, porterà alla creazione di una rete sanitaria virtuale a portata di tutta la nazione.

Il procedimento che ogni persona dovrà seguire per attivare il fascicolo elettronico viene spiegato dal Professor Moruzzi:
Come fare il fascicolo elettronico sanitario? 

“Si potrà fare una pre-iscrizione sul web, poi si dovrà andare al centro Cup per mostrare un proprio documento. E’ un passaggio velocissimo, bastano dieci minuti. A quel momento lo si potrà consultare tramite Internet attraverso username e password, tessera sanitaria con microchip, carta di identità elettronica, carta nazionale dei servizi e altre smart card.”

Negrini spiega anche le funzioni che si potranno effettuare con il nuovo tipo di fascicolo:

“A quel punto il paziente potrà effettuare prenotazioni o disdette di prestazioni specialistiche, pagamenti di ticket online, cambiare il medico di famiglia. Tutto questo senza doversi più recare agli sportelli Cup”.

Per quanto riguarda il fattore privacy, sempre caro a tutti, questo non sembra essere assolutamente un problema: il medico, infatti, può avere accesso al fascicolo solo dietro autorizzazione del paziente, che potrà decidere di renderlo “inaccessibile” in qualunque momento.

Condividi