30.000 euro ai Manager di Palazzo Chigi che usano la Mail

998

30.000 euro ai Manager di Palazzo Chigi che usano la Mail- Premi di rendimento per il raggiungimento di un obiettivo: l’utilizzo della posta elettronica.

Fubini denuncia su Repubblica: 30.000 euro ai Manager di Palazzo Chigi che usano la Mail, non è una barzelletta ma un superpremio di produzione per i manager che si sono visti recapitare soldi per aver fatto uso della posta elettronica, cosa che un italiano normale (e magari disoccupato) fa ogni giorno Gratis.
Pochi giorni dopo lo scandalo delle spese affrontate da Letta, si legge che a questi signori lavoratori siano stati elargiti dai 26 ai 31.600 euro, nella Direttiva Generale infatti il criterio di assegnazione dei premi era appunto la posta elettronica.

Nel testo di quest’anno si legge alla voce: AREA STRATEGICA 1Impegno per il Contenimento della Spesa– “è necessaria una costante attività di controllo delle spese e dei costi, con l’obiettivo di rendere efficace ed efficiente l’impegno delle risorse finanziarie, realizzare il miglior funzionamento dell’apparato amministrativo con il minor costo e gestire in modo produttivo le politiche di settore, evitando la dispersione delle risorse finanziarie”
Cosa c’è di meglio in tempi di crisi?
Se preso alla lettera questo testo (che si può trovare a pagina 5/6 della direttiva) potrebbe costituire un tentativo di arginare la spesa pubblica per l’acquisto di carta e vario materiale per comunicazioni e spedizioni, più avanti infatti si legge:
“A tale riguardo dovrà essere data massima rilevanza al controllo di gestione ed al monitoraggio dei costi di funzionamento e dovranno essere utilizzati nel modo più efficace gli esiti di tali processi”.
Si tratta di 102 pagine piene di grafici e disponibili per la consultazione online, in ogni modo l’obiettivo dovrebbe essere più tecnologia per migliorare le comunicazioni, ma spiega Fubini che come avvenuto in passato il rispetto di questo obiettivo si traduce in un bonus cospicuo per i dirigenti, nel 2011 sono stati il 98% e il 99% nel 2012 la percentuale di beneficiari, per le cifre di cui sopra, piccoli contentini che si aggiungono ai 188 mila euro annui di retribuzione normale. Ma il risparmio dov’è?

Letta assicura che verranno rivalutati gli standard per l’elargizione dei premi.

In un paese di Cassintegrati, Disoccupati, di una Burocrazia Lenta e Corrotta, è giusto che il Governo sprechi in questo modo il denaro dei cittadini?

Condividi