7 aprile: Giornata mondiale della salute

813

Il cibo è il sostentamento della vita, è il carburante dell’uomo, la sua fonte di forza e perchè no? Anche di piacere, mangiare è necessario ma è anche gratificante; ma il cibo se inteso nel modo errato è anche fonte di malattie e di morte; alimentarsi con cibo non adeguato può portare a serie conseguenze, come infezioni e malattie croniche. Nutrirsi è anche porre attenzione a quello che si mangia, alla sua provenienza, all’igiene delle preparazioni, al consumo intelligente in poche parole.

Il 7 aprile l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dedica al tema alimentazione la Giornata mondiale della salute, pensata come una sfida alla “mala alimentazione”. Lo slogan per garantire sempre più sicurezza nel settore del cibo è espresso nella frase: ‘I vostri alimenti sono davvero sicuri? Dalla fattoria al piatto, tutti avete un compito da svolgere!”. Secondo la direttrice dell’Oms, Margaret Chan, ”la produzione alimentare è stata industrializzata, il commercio e la distribuzione dei prodotti globalizzata ma questo cambiamenti positivi hanno creato anche molteplici occasioni di contaminazione degli alimenti, a causa di batteri, virus, parassiti o sostanze chimiche”.

7aprile

Dalle verifiche dell’Oms, sono oltre 200 le malattie causate da alimenti di origine animali non abbastanza cotti, ortaggi e legumi contaminati, pesci e crostacei inquinati. Solo parlando di infezioni enteriche ormai quasi 600 milioni di persone nel mondo soprattutto nel continente africano e in Asia,ne sono colpiti ogni anno, anche se i cosiddetti paesi sviluppati non sono immuni a questa casistica. Informarsi sul cibo che si consuma è fondamentale, soprattutto per quello di origine animale, che è anche il tipo di alimenti che più possono provocare malattie e disagi a livello dell’organismo.

Condividi