Adozioni Bimbi Russi: solo all’Italia che non riconosce coppie Gay

1015

Adozioni Bimbi Russi: la Russia concederà adozioni internazionali solo all’Italia, perché non riconosce le coppie di fatto


Adozioni Bimbi Russi– I bambini russi saranno destinati solo all’Italia, poiché è l’unico Paese legato alla Russia con un accordo bilaterale che non riconosce i matrimoni gay e quindi il diritto di adozione.
Lo annuncia il Rappresentante dei diritti dell’Infanzia Russo, Pavel Astakhov.

“Ci risulta che attualmente l’Italia e’ l’unico Paese i cui cittadini abbiano la possibilità di adottare bambini russi prima di tutto perche’ questo Paese non riconosce il matrimonio omosessuale e, di conseguenza, non dobbiamo cambiare nulla nell’accordo vigente e, inoltre, loro rispettano i termini di questo accordo”.

Quindi non darà in affidamento o adozione i bambini orfani o non riconosciuti ai paesi con cui non è stato siglato questo patto, gli accordi con i francesi non sono stati ancora definiti.

“Non e’ colpa nostra. Voi partner occidentali dovete lavorare più attivamente, se volete che l’adozione internazionale prosegua. Le nostre priorità sono diverse dalle vostre. In generale preferiamo dare in adozione i bambini all’interno del Paese”.

Il Magnitsky Act con cui gli USA hanno sanzionato i funzionari russi per “violazione dei diritti umani”, ha incrinato i rapporti con la Russia, bloccando le adozioni di bambini russi da parte di coppie americane .
Già di per sé i problemi delle adozioni internazionali sono tanti, così si rischia di aggravarli ulteriormente? E forse dimentichiamo che passi avanti li sta compiendo anche l’Italia, concedendo il congedo matrimoniale a chi vuole sposarsi all’estero dando in affidamento una bimba ad una coppia omosessuale.

Condividi