Afroamericano 25enne muore subito dopo il suo arresto

265

Un afroamericano di 25 di Baltimora è morto dopo essere stato condotto in una stazione di polizia in seguito all’arresto. A tal ragione è stata avviata un’indagine dalla polizia di Baltimora per fare luce sulla morte del giovane afroamericano ferito mentre veniva arrestato una settimana fa. La notizia è stata diffusa dal sindaco di Baltimora, ovvero Stephanie Rawlings Blake aggiungendo tra l’altro che l’indagine è volta soltanto ad accertare le responsabilità e far così giustizia. “Comprendo la frustrazione della comunità è prenderò molto seriamente il mio dovere di trasparenza”, ha dichiarato il sindaco.

L’uomo si chiamava Freddie Gray ed aveva 25 anni e sarebbe morto nella giornata di domenica a causa di alcune ferite riportate alla spina dorsale causate durante il suo arresto avvenuto circa una settimana fa nello Stato del Maryland. Il giovane era in ottima salute prima del suo arresto, questo è quanto ha dichiarato il legale della famiglia del giovane, William Murphy che ha accusato la polizia di voler tenere segrete le circostanze della morte di Freddie.Un video inchioderebbe alcuni agenti che dopo aver fermato Grey lo hanno trascinato con le mani dietro la schiena dentro un furgone della polizia mentre lui urla dal dolore. . “È caduto in coma, come morto, poi è stato resuscitato. Lunedì è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per salvargli la vita. Ha lottato per sette giorni, poi se n’è andato”, ha dichiarato il legale. Jerry Rodriguez, vice capo della polizia, ha ammesso che le che le ragioni del fermo erano “un po’ vaghe” e “non vi sono prove di colluttazioni con poliziotti” che possano aver causato quelle lesioni.

Condividi