Al Baghdadi ferito alla spina dorsale Il comando di Isis nelle mani del vice

295

Una notizia data dal magazine Guardian e non confermata, anzi smentita dal Pentagono, darebbe Abu Bakr  il capo supremo dell’Isis, il “Califfo” ferito in modo molto grave alla spina dorsale, tanto da restare completamente paralizzato; questo evento farebbe passare il comando delle famigerate milizie jihadiste nelle mani del vice: Abu Alaa al Afri. Le ferite sarebbero state riportate  da al Baghdadi, in un raid aereo della coalizione messo in atto  il 18 marzo ad al Baaji, in Iraq.

La notizia va presa con molta prudenza perchè nulla è stato confermato dall’America nè da altri; di certo c’è che se la notizia ha fondamento, e il ferimento del capo dell’Isis è avvenuto veramente, le sorti di molte cose potrebbero prendere una svolta differente. La notizia pubblicata dal Guardian è talmente dettagliata che riporta anche di due medici  partiti da Mosul per raggiungere il covo segreto del Califfo per prestargli delle cure; le condizioni dell’uomo però sarebbero risultate subito molto preoccupanti.

Da qui la nomina del nuovo capo; un fedelissimo che è da molto tempo nell’Isis ed era già stato indicato come possibile successore di Abu Omar al Baghdadi, al Afri, il mujahed che era alla guida della fazione nel 2010. Il cambio al vertice avrebbe registrato un segnale di difficoltà nello  spostamento di militanti, con palese  urgenza, dal quadrante siriano a quello iracheno.In ogni caso continua senza sosta il reclutamento di nuovi adepti: le statistiche delle ultime settimane dicono che, negli ultimi sei mesi, i volontari europei sarebbero cresciuti da 5 mila a 6-7 mila.

Condividi