America: domate fiamme in centrale nucleare 50 km da New York

284

Grande panico nello Stato di New York; la causa è stato un incidente verificatosi durante lavori di manutenzione nel reattore numero 3 della centrale nucleare di Indian Point a Buchanan a soli 50 km a nord del centro di Manhattan a New York; un trasformatore e’ esploso causando un incendio.

Mentre per rassicurare i cittadini i vigili del fuoco hanno subito diramato una nota che faceva riferimento a “un piccolo incendio alla centrale” domato dalla squadra interna di sicurezza dell’impianto con l’aiuto dei pompieri.

Non ci sono stati feriti ne’ e’ stata disposta l’evacuazione dell’impianto che si trova sulle sponde del fiume Hudson. La Entergy Corporation, proprietaria dell’impianto, ha detto di aver “spento” il reattore numero 3 della centrale, aggiungendo che la situazione e’ stabile e la zona e’ sicura sia per i dipendenti che per gli abitanti della zona.

Nelle foto scattate dai cittadini stessi della zona si può vedere un pinnacolo di fumo che si alza dalla centrale nucleare situata Indian Point a Buchanan a 50 km dal centro di Manhattan a New York.  La a rete locale Wabc, ha subito fornito dettagli sulla vicenda e anche la nota dei vigili del fuoco locali che hanno riferito di “un piccolo incendio alla centrale”. La centrale, che ospita tre reattori, si trova sulle sponde del fiume Hudson.

In un articolo del 2013 in seguito a un incidente simile a quello di ieri, e apparso su molti magazine all’epoca, la centrale nucleare di Indian Point veniva definita a rischio per i terremoti e troppo vicina a una zona densamente popolata; eccone uno stralcio: 

“La centrale nucleare di Indian Point  si è situata nel limite di richiedere una attenzione immediata per garantire la protezione della popolazione”. Questo ha detto solo alcuni mesi fa la Commissione per l’energia nucleare negli Stati Uniti poco dopo un grave incidente, quando un trasformatore è esploso nell’interno della struttura provocando la paralisi dei suoi reattori (Indian Point 2 e Indian Point 3 – Indian Point 1 fu chiuso nel 1974). Secondo i calcoli di questo organismo i due reattori della struttura, che somministra un terzo della energia che ogni giorno serve la città di New York, sono i più vulnerabili del paese di fronte ad un ipotetico terremoto”. (globalist.it)

Condividi