Andreas Lubitz, tentò il suicidio prima di ottenere il brevetto di volo

260

Emergono nuove indiscrezioni sulla figura di Andreas Lubitz, il co-pilota che ha praticamente causato la morte di 149 persone ed accusato di essere dunque il responsabile del disastro aereo di Germanwings.

Secondo quanto emerso negli ultimi giorni e secondo quanto dichiarato dal Procuratore, il co-pilota si era sottoposto ad un trattamento psichiatrico per tendenze suicide. E’emerso, inoltre, che i medici che gli hanno dato il via libera per ottenere l’idoneità di volo non avevano riscontrato alcun problema nelle condizioni fisiche e psichiche del co-pilota che sognava soltanto di volare. Secondo il giurista Elmar Giemulla, ovvero il legale dell’azienda, dunque, nessun medico avrebbe rilasciato l’idoneità al volo ad un candidato con un passato come quello del co-pilota, ed infatti a tal riguardo avrebbe dichiarato quanto segue:“Io do per scontato che Lufthansa e chi ha rilasciato quei certificati non ne fosse a conoscenza”.

Andreas Lubitz, tentò il suicidio prima di ottenere il brevetto di volo

Ma intanto il co-pilota ha ricevuto questi certificati utili per volare, certificati rilasciati dalla Lufthansa di Monaco, che al momento sfugge alla stampa rifiutandosi di parlare. «Prima di iniziare la carriera professionale di pilota era stato classificato come ‘a rischio suicidio ed era per questo in terapia. Il trattamento psicoterapeutico era stato comunque concluso prima dell’inizio del percorso che lo ha portato alla licenza di volo professionale», ha dichiarato nella giornata di ieri il portavoce della procura di Duesseldorf di Lubitz. Intanto emergono anche nuove indiscrezioni circa i risarcimenti danni di cui l’azienda dovrà farsi carico, e sembra che proprio la presenza di giovani vite a bordo dell’aereo alleggerisce il conto. Per quale motivo?Sembra che il diritto tedesco non riconosca i danni morali. Intanto Elmar Giemulla,ha dichiarato: “Sara’ la compagnia di volo a risponderne, in base alla convenzione di Montreal, e un regolamento dell’Ue in materia“. 

Condividi