Anticorruzione, finalmente dopo 2 anni il Senato approva il ddl

242

E’stato dato finalmente il via libera da parte del Senato al Ddl Anti-corruzione con 135 si, 74 no e 13 astenuti. A favore del ddl hanno votato Ap e Pd, mentre la Lega ha dichiarato la propria astensione.

Il no è invece arrivato dal Gal e FI. Contrari anche i deputati del M5S che in un primo momento avevano votato a favore dei singoli articoli del provvedimenti ma il sondaggio online tra gli iscritti ha chiesto che i parlamentari esprimessero il loro no, che puntuale è arrivato.Adesso tocca alla Camera pronunciarsi su tale Ddl anti-corruzione ed a tal riguardo il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando ha dichiarato quanto segue: “Non saremo noi a dire che non ci debbano essere modifiche, ma l’auspicio è che ci sia un’approvazione la più rapida possibile”.

Anticorruzione, finalmente dopo 2 anni il Senato approva il ddl

Ci sono voluti ben 734 giorni di discussioni e di polemiche per poter arrivare al si del Senato, anche se in realtà ci sono voluti ben 2 anni prima che per l’Aula e per il governo fosse la buona volta. Voto di scambio, falso in bilancio, riciclaggio, corruzione, sono queste le norme contenute nel disegno di legge. Tanti i messaggi di soddisfazione a cominciare da quelli del Presidente del Senato Pietro Grasso il quale ha dichiarato:“Finalmente vedo alcune mie proposte approvate“.Grande soddisfazione anche per l’Associazione Nazionale magistrati, che dichiara:” E’ sicuramente un passo che aspettavamo da tempo.Finalmente torna una fattispecie che era stata sostanzialmente depenalizzata, il falso in bilancio. Ora chiediamo più coraggio, a cominciare dal tema della prescrizione”. 

Condividi