Arrestato l’imprenditore Raffaele Cilindro favori la latitanza a Michele Zagaria

323

Raffaele Cilindro noto imprenditore di Caserta è stato fermato e accusata dalla DDA a Napoli di aver dato e coperto la latitanza del  famoso boss Michele Zagaria, l’uomo è stato identificato e poi arrestato dagli uomini della caserma dei carabinieri di Caserta. Inoltre, gli sono stati sequestrati beni e immobili per un valere di oltre 1.5 milioni di euro. Raffele Cilindro da sempre impegnato a lucrare sugli appalti per la ricostruzione del dopo terremoto dell’Aquila, ha fornito le sue abitazione per dare latitanza al boss, dove venivano fatte anche riunioni con tutti i capi clan.

stato-toglie-polizia-casapesenna-1-770x523

Per arrivare all’arresto i carabinieri del Ros si sono basati su intercettazioni telefoniche, oltre ad moltissime osservazioni dirette. Molto importanti sono state anche le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia vicini alla fazione Zagaria, come Attilio Pellegrino e Massimiliano Caterino, uomo di fiducia del clan ed incaricato di intrattenere i rapporti con gli imprenditori. La vicenda è ancora in corso, il magistrato deve ancora interrogare moltissime persone rinconducibili tutte all’associazione mafiosa.

Condividi