Aumento di peso in gravidanza

1946

L’aumento del peso in gravidanza, è un fenomeno fisiologico e graduale in ogni donna. In parte è causato dallo sviluppo del feto, dell’utero e degli annessi (liquido amniotico, placenta, membrane, cordone), ed in parte è dovuto allo sviluppo di depositi adiposi e alla ritenzione idrica.

 

gravidanza-pesoI kg in più solitamente cominciano a farsi vedere dal 4°-5° mese, quando si prendono circa 300-400 g a settimana fino al termine.

E’ importante pesarsi regolarmente (ogni 7-10 giorni sempre sulla stessa bilancia, la mattina prima di colazione, dopo aver urinato), per notare eventuali anomalie e riferirle al medico (se si aumenta troppo può essere indice di diabete ad esempio, se si aumenta poco può indicare una scarsa nutrizione fetale).

Qual è il giusto aumento ponderale?

Si reputa ottimale un aumento complessivo di 9-12 Kg, ma meglio valutare ogni singolo caso, perchè l’aumento in gravidanza dipende da diversi fattori, soprattutto dall’indice di massa corporea (BMI prima di rimanere incinta) e dal tipo di gravidanza (singola o gemellare).

 

Per calcolare il BMI, dividere il peso (espresso in Kg) di prima della gravidanza, per il quadrato dell’altezza in metri (es.: una donna alta 1,60 m che pesa 56 kg, ha un BMI di 21,9).

In dolce attesa non bisogna mangiare per due!
Il fabbisogno calorico non aumenta tanto da dover mangiare il doppio e l’incremento calorico dipende sempre dal BMI (o IMC) iniziale:

aumento-peso-gravidanza

 

Dunque bisogna mangiare in modo sano ed equilibrato, non il doppio, e aggiungendo anche il movimento come nuoto o passeggiate di 30 minuti al giorno, il risultato è migliore!

Foto Luca Fazzolari

Alessia

 

Hai dei Dubbi? Chiedi all’Ostetrica!

Condividi