Baby Nuoto ecco tutti i Benefici!

1278

Baby Nuoto- Il nuoto neonatale è un’attività ricca di benefici per genitori e bambini, e che permette ai piccoli di non perdere la loro naturale abilità acquatica, sviluppata durante i 9 mesi vissuti nel liquido amniotico.

baby-nuotoSi può fare già dai 3 mesi di vita, ed all’appuntamento settimanale partecipano anche i genitori: mamma e/o papà entrano in vasca con il bimbo e con un istruttore qualificato.

Si procede per gradi: prima ci sarà l’ambientamento a bordo vasca, poi si entrerà in acqua ed il bambino prenderà confidenza con questo elemento attraverso il gioco: palline, animaletti di plastica, oggetti colorati e canzoncine.

Ovviamente i bambini così piccoli non imparano i vari stili, ma sviluppano la capacità di stare a galla, superano la paura dell’acqua, imparano a fare i primi tuffi, ecc…e questo rende i bambini più forti, socievoli e sicuri di loro stessi.

Gli esercizi non affaticano i bimbi, al contrario li stimolano, li divertono e rinforzano i muscoli di tutto il corpo, specialmente quelli scapolari e del collo. Infatti i bambini fino ai 5-6 mesi di età, non hanno pieno controllo del collo e della testa, ed il Baby Nuoto rende questi muscoli più forti, migliora il sostegno della colonna vertebrale e previene i disturbi di postura come lordosi, cifosi e scoliosi.

Inoltre l’acqua rilassa: i bimbi sono più tranquilli, hanno meno difficoltà a riposare sia perchè nonostante l’attività non li affatica, comunque richiede dispendio energetico, sia perchè l’acqua ricorda loro i 9 mesi di tranquillità e serenità trascorsi nel grembo materno.

Diversi studi hanno appurato che i bambini che fanno attività fisica e che vengono massaggiati, hanno uno sviluppo psicomotorio migliore rispetto a chi non partecipa a questo genere di attività, ed anche un feeling con i genitori più profondo, proprio grazie alla condivisione di queste esperienze particolari.

Perché non provare? Informatevi nella struttura più vicina e regalatevi questa bella esperienza.

Alessia

Hai dei Dubbi? Chiedi all’Ostetrica!

Condividi