Baby Squillo a Como per 2.50 Euro

1633

Baby Squillo a Como- Torna a far parlare di sé il fenomeno delle Baby Squillo ma non più a Roma

Baby Squillo a Como-Sull’onda dello scandalo delle baby squillo parioline, la nostra attenzione viene nuovamente richiamata su un caso di prostituzione minorile, seppur dipinta con tinte diverse.

Protagonista della vicenda, questa volta, è una quattordicenne di Como, studentessa di un istituto della zona.


Apparentemente vittima del disagio provocato dalle prese in giro dei compagni, per via di un aspetto fisico non corrispondente ai loro canoni di bellezza, e figlia della nostra discutibile società, la ragazza si è improvvisata “baby squillo”, offrendo prestazioni sessuali nei bagni della propria scuola: 2,50 € il prezzo del proprio corpo e della propria dignità.
I compagni di scuola, subito pronti a rispondere all’offerta giunta loro via sms, non si sono limitati a voler approfittare della fragilità della compagna: sfruttando la tecnologia a loro disposizione, hanno appositamente aperto una pagina Facebook, rendendo pubblici nome, fotografia e prestazioni offerte dalla quattordicenne, aumentando non tanto la visibilità dell’offerta quanto lo squallore e la vergogna dell’intera situazione.
Esploso lo scandalo all’interno dell’istituto scolastico, la ragazza è stata immediatamente convocata dalla preside, a cui ha raccontato di essere stata in realtà convinta e spinta dai suoi genitori a prostituirsi.
E’ stata questa dichiarazione, in realtà, a dare adito al sospetto che l’atteggiamento della giovane altro non sia che un atto d’emulazione nei confronti delle due baby squillo romane.

Una ricerca di attenzione o reale disagio?  Discutibili comportamenti dovuti ad una cattiva educazione o unico mezzo di difesa di una ragazza verosimilmente vittima di bullismo?
Sono questi gli interrogativi che permangono nelle menti di chi attualmente cerca di far luce sull’intera vicenda e che, nuovamente, evidenziano la semplicità con cui sempre più ragazze smerciano il proprio corpo e la propria dignità, per avere in cambio anche solo un po’ di fama ed attenzioni.

Condividi