Baci di Dama senza burro, senza uova, senza livieto

1704
Baci di Dama senza burro, senza uova, senza livieto

Baci di Dama senza burro, senza uova, senza livieto, una ricetta diversa adatta anche ai vegani e realizzabile con pochissimi ingredienti

Baci di Dama senza burro, senza uova, senza livieto

Questi Baci di Dama senza burro, senza uova, senza livieto sono stati realizzati per caso, non era in programma una ricetta con i “senza” ma alla fine ho voluto provare a realizzare una frolla light e vegetariana che mi ha davvero stupito.
Prima cosa da sapere: se non siete vegani non siete abituati a mangiare dolci senza latte o senza margarina e non potete di certo aspettarvi di trovare lo stesso sapore “burroso” dei classici biscotti, quindi siate pronti a provare qualcosa di nuovo che ha la consistenza e il sapore di un amaretto morbido ma che di amaro non ha nulla.

Per questa ricetta occorrono:



120 gr di zucchero
60 ml di olio di semi di mais
70 ml di acqua
un cucchiaino di bicarbonato
40 gr di nocciole
altri 40 gr di farina
vaniglia
cioccolato fondente

Per prima cosa dosare accuratamente gli ingredienti. Poi unire l’acqua e lo zucchero mescolando, aggiungere l’olio. E mettere a tostare le nocciole in forno. In un mixer unire bicarbonato, le nocciole raffreddate, 40 gr di farina e la vaniglia, frullare fino ad ottenere una polvere. Unire il resto della farina e aggiungere i liquidi mescolati precedentemente. Impastare fino ad ottenere un panetto aggiungendo eventualmente un po di farina.
Il panetto va conservato in frigo per mezzora prima di essere lavorato.
Creare delle palline, tagliatele a metà e schiacciate un po’ la base creando una semisfera, per regolarvi sulla grandezza dei biscotti considerate che raddoppiano quasi il loro volume.
Infornate per circa 15 minuti e lasciate raffreddare, poi mettete del cioccolato fondente o alla nocciola sciolto a bagnomaria su un biscotto e attaccare sopra un altro biscotto. Lasciate raffreddare la cioccolata.

Potete usare anche la nutella o in alternativa la marmellata.
Qui trovi un’altra variante dei baci di dama vegan

Condividi