Braccialetti Rossi, arriva la seconda stagione della serie

836

Quando alle 9 di mattina la Polizia municipale chiude via Asiago a Roma, ci sono già dei gruppetti di ragazze appoggiate alle transenne davanti al palazzo della Rai. I due maxi schermi sistemati lì fuori sono ancora spenti, ma i fan di «Braccialetti rossi» entrano in fibrillazione, armati di striscioni, diari traboccanti di cuori e telefonini ben carichi, per girare video e conquistarsi dei selfie con i beniamini. Oggi è il giorno della presentazione di «Braccialetti rossi 2» e su Facebook si sono dati appuntamento lì, per salutare e acclamare sia i vecchi che i nuovi protagonisti. Già, perché nelle cinque puntate, in onda da domenica 15 febbraio su Raiuno, faremo conoscenza con quattro nuovi personaggi, oltre a ritrovare Leo, Cris, Vale, Tony, Rocco e Davide (sì, in un modo speciale ci sarà pure lui, anche se nella scorsa serie non era sopravvissuto dopo l’operazione al cuore andata male…).1389623452623ep-3-Braccialetti-incrociati

Ma da dove arriva tutto questo successo? «Il pubblico si riconosce nei valori che portano avanti i nostri personaggi» spiega Carmine Buschini, alias Leo. «La cosa più bella» prosegue Aurora Ruffino, cioè Cris, «è ricevere tanti messaggi da ragazzi che affrontano il difficile percorso della malattia con più coraggio. E ci ringraziano  per questo. E pensare che noi ci lamentiamo spesso per delle sciocchezze…». C’è anche qualcos’altro: «Sappiamo che le cose stanno cambiando anche nelle scuole» conclude la protagonista. «Chi toma dopo una lunga terapia, magari con la testa pelata, non è più considerato “il diverso”, ma “l’eroe”, colui che ce la mette tutta per affrontare la sofferenza e trasformarla in voglia di vita, Questo è il vero successo di “Braccialetti rossi”». E non finisce qui. «Anche negli ospedali le regole stanno cambiando» dice il regista Giacomo Campiotti. «I giovani ricoverati si possono muovere di più, incontrarsi, fare gruppo tra loro. Siamo felici di essere riusciti ad aprire tante porte».

Scopriamo allora chi sono i nuovi arrivati dell’ospedale: c’è Bea, una ragazza che finisce in coma dopo un incidente provocato da Chicco, un giovane bullo anche lui ricoverato; poi la piccola Flaminia, detta Flam, una bimba non vedente; e Nina, una ragazza dura, scontrosa, che troverà nell’amicizia di Leo la forza di affrontare la malattia e di andare avanti riscoprendo il sorriso.

E riveliamo anche un po’ di succose anticipazioni su quello che succederà ai nostri eroi in questa nuova serie…

All’inizio Cris ha ripreso la sua vita fuori dall’ospedale, e toma spesso a trovare Leo, che è ancora ricoverato, ma sembra in procinto di uscire: i due sono felici e innamorati. La vita però sta per mettere Leo davanti a una nuova, durissima prova da affrontare e lui, per proteggere Cris dal dolore, la allontana E lei, sentendosi tradita, reagirà male… Tony invece ricomincia il suo lavoro all’officina del nonno, ma ha una grande nostalgia degli amici, al punto che riesce a farsi «arruolare» come infermiere durante la degenza del nonno. Rocco si è svegliato dal coma, ma è ancora ricoverato. Vale è tornato a casa e vive un momento molto difficile: il suo rientro a scuola è complicato perché i compagni lo considerano «diverso». Per questo si chiude in se stesso e rifiuta ogni contatto con i Braccialetti. Il gruppo insomma si sta sfaldando. Chi cerca invece di tenerlo ancora insieme è Davide, che non è sopravvissuto alla sua operazione, ma che sarà comunque una presenza costante nelle nuove vicende dell’ospedale. Anche se solo Tony può sentirlo e vederlo…

Nonostante tutto, la forza dell’amicizia e della solidarietà dei Braccialetti riuscirà a contagiare anche i nuovi giovani pazienti. Nuovi arrivati che, fuori dal set, sono pronti a farsi inondare anche loro dall’affetto dei fan. E quando alla fine della presentazione escono, ne hanno un assaggio: sono accolti da un boato di ragazzi in delirio che urlano i loro nomi. Prossima tappa? Nientemeno che il palco delTAriston a Sanremo: i protagonisti della serie saranno ospiti della serata finale del Festival.

Condividi