Buona scuola:il mondo della scuola si ferma, tutti in piazza contro la riforma

296

Il mondo della scuola oggi si ferma, in occasione dello sciopero fissato dai sindacati che oggi insieme a studenti, insegnanti di ruolo e precari e personale ausiliari scenderanno nelle piazze per manifestare e dire no al piano del governo Renzi. Sostanzialmente il mondo della scuola si oppone al ddl della riforma “Buona scuola” e nello specifico sono previste sette manifestazioni in tutta Italia.

La manifestazione più importante forse è quella prevista a Roma, dove sono attese migliaia di partecipanti i quali parteciperanno al corteo che partirà proprio alle ore 10 da piazza della Repubblica e poi si concluderà a Piazza del Popolo dove è previsto l’intervento di Domenico Pantaleo e Massimo di Menna.

“Sette grandi manifestazioni per dire l’ennesimo no a una riforma che vuole tutto meno che una buona scuola. Dopo 7 anni i cinque sindacati più rappresentativi del comparto scuola scioperano insieme e nelle piazze italiane ci saranno anche gli studenti che, a gran voce, in una lettera aperta hanno chiesto ai loro docenti di fare lo stesso. Ci sono, insomma, tutti i buoni presupposti perchè le manifestazioni siano partecipate e l’adesione allo sciopero alta”,ecco quanto sottolineato da Flc, Cgil in una nota. Prevista altra manifestazione a Bari per dire no alla Buona Scuola di Matteo Renzi,manifestazione alla quale hanno aderito Cgil, Cisl e Uil scuola, Gilda e Snals. Il corteo avrà inizio alle ore 9 in Piazza Castello dove è previsto il concentramento.  Da quanto è emerso,quella di oggi sarà una mobilitazione di massa, alla quale sembra abbiano dato l’adesione circa l’80% delle adesioni contro l’emendamento voluto dal Governo Renzi. 

Condividi