Campo rom di Castel Romano, scoperti 30 falsi poveri

627

Ancora un‘operazione volta a svuotare i campi rom dagli abitanti che sostanzialmente non ne hanno diritto perché in possesso di ricchi conti corrente. Ancora una volta finito nella polemica il campo rom di Castel Romano finito nel mirino delle forze dell’ordine; nella giornata di ieri è avvenuto un nuovo sopralluogo che ha portato allo sgombero di 30 persone.L’operazione ha avuto inizio alle ore 7.30 di ieri ed ha visto impegnati i gruppi Spe, Nae e IX Eur della polizia locale. Sono stati ritrovati altri trenta nomadi falsi poveri ed in tutto sono circa settanta, scoperti dalla polizia locale di Roma all’interno del campo nomadi di Castel Romano.

Si tratta di rom non per nulla poveri, visto che sui loro conti sono stati trovati depositi di denaro anche a tre zeri.Nelle abitazioni di questi rom sono state staccate le utenze di luce e gas e sono stati apposti i sigilli.Adesso il Comune di Roma dovrà decidere se portarli via o assegnarli a nuclei familiari con reale bisogno di alloggio. “Proseguono gli sgomberi dei finti poveri nel campo rom di Castel Romano.Una delle trenta persone allontanate aveva un tesoretto di 85 mila euro in banca e nascondeva in casa alcuni materiali probabilmente rubati. Tutti gli sgomberati, dovranno rispondere alla nostra Giustizia di reati civili e penali”, ecco quanto scritto dal Minisindaco sul proprio profilo Facebook.Bisogna anche considerare che l‘amministrazione capitolina nel 2014 ha speso 8 milioni per accogliere le 242 famiglie nei 7 ventri di raccolta rom distribuiti in Via Salaria, Best House Rom, Via Amarilli, Via San Cipirello, Via Torre Morena, Via Toraldo e l’ex Fiera di Roma.

Condividi